Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Diritti umani

Lettera aperta per la tomba di Zeynel Bey: la prova è fallita, ritiratevi dal progetto

BATMAN – Gli ecologisti affermano che la prova  alla fine di aprile per il trasferimento programmato della tomba di Zeynel Bey è fallito Hasankeyf ha fallito e hanno invitato a ritirarsi dal progetto di trasferimento della tomba.

L’Iniziativa per mantenere Hasankeyf in vita, Matters Hasankeyf, il Movimento Ecologico della Mesopotamia, Salviamo il Tigri, e la Campagna irachena delle Paludi  e Humat Dijla, Baghdad hanno scritto una lettera aperta per chiedere la cancellazione del progetto di delocalizzazione della tomba di Zeynel Bey Tomba e per fermare immediatamente il progetto di Ilisu.

La lettera aperta scritta alle aziende che operano nel progetto è la seguente;

“La prova condotta alla fine del mese di aprile 2017 per il trasferimento pianificato delle Zeynel Bey tomba in Hasankeyf è fallito. Questo fallimento dimostra le gravi minacce con le quali il patrimonio culturale di Hasankeyf si trova ad affrontare a causa della costruzione in atto della diga di Ilisu e del progetto della centrale idroelettrica.

Chiediamo nei termini più forti possibili che si cessi immediatamente i lavori ed il ritiro del progetto di ricollocazione della tomba di Zeynel Bey . Citiamo ancora una volta il processo in corso presso la Corte Europea dei Diritti dell’Uomo, in cui viene contestato il piano della Turchia per la conservazione del patrimonio culturale ad Hasankeyf.

È inaccettabile che non siano state adottate misure adeguate per assicurare che la prova avrebbe  avuto successo al primo tentativo. Questa situazione è particolarmente preoccupante dopo  le ripetute affermazioni ( dipubblici e privati) che non v’è alcun rischio in questo progetto.

Numerose incongruenze e contraddizioni sottolineano il fatto che la pianificazione per questo progetto è viziata e che i rischi di danneggiamento sono superiori di quelli che avete riconosciuto:

Per anni le autorità hanno dichiarato al pubblico che la tomba sarebbe stata spostata su rotaie, ma negli ultimi mesi il piano è cambiato e la tomba sta per essere spostata per mezzo di un rimorchio in movimento lungo una strada appositamente costruita.

La tempistica del traferimento è stata affrettata, aumentando la probabilità di errori. La riccollocazione è stata annunciata per il 18 aprile, ma l’asfaltatura è cominciata fino alla settimana successiva. La distanza di 2 km della quale la tomba deve essere spostato è straordinariamente lunga, con una notevole pendenza, e l’obiettivo di spostare la struttura in un solo giorno è altamente rischiosa

Nel corso degli ultimi due anni, ci sono state dichiarazioni contrastanti circa la nuova posizione della tomba.

Il rivestimento della struttura in calcestruzzo è un approccio fondamentalmente distruttivo, in quanto modifica anche l’edificio in modo significativo anche mentre la si solleva dalle sue fondamenta originarie.  Il peso totale movimentato durante il test è di 750 tonnellate, ma il peso della tomba è stimato in circa 900 tonnellate.

Invece che cercare di costruire una fiducia con l’opinione pubblica attraverso la condivisione di informazioni e la ricerca di punti di vista e opinioni della popolazione locale, questo progetto è avvolto nel mistero. Non c’è nemmeno una dichiarazione dei lavori esposta nel sito. La mancanza di trasparenza aumenta i rischi del progetto, in quanto impedisce un’adeguata valutazione dei piani tecnici per garantire che tutti i difetti e le vulnerabilità siano affrontate.

Gli individui e le organizzazioni della società civile di tutto il mondo esprimono regolarmente la loro opposizione all’inondazione programmata di Hasankeyf e della valle circostante del Tigri . Al fine di aumentare la consapevolezza  sii rischi della prevista delocalizzazione della tomba di Zeynel Bey,  Humat Dijla / Associazione per Salvare il Tigri a Baghdad ha avviato una campagna in Iraq, anch’esso gravemente minacciato dal progetto di Ilisu.

Il trasferimento della tomba di Zeynel Bey sarebbe un atto imperdonabile di distruzione del patrimonio culturale e una violazione dei diritti umani delle popolazioni locali. Noi riteniamo le vostre imprese responsabili della violazione della legge turca e delle norme internazionali comuni in materia di conservazione storica e dello sviluppo sostenibile.

Chiediamo la cancellazione del progetto di spostamento dellla Zeynel Bey, l’interruzione immediato del progetto di Ilisu e un ampio dibattito tra tutte le parti interessate per stabilire un consenso per lo sviluppo socio-culturale della regione “.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Un tribunale turco ha rilasciato sotto controllo giudiziario la famosa avvocatessa Feyza Altun dopo la sua detenzione per la sue affermazioni sulla “sharia”, dopo...

Turchia

Ahmet Türk, il candidato co-sindaco del partito DEM a Mardin, ha chiarito le sue dichiarazioni riguardo al presidente Erdoğan. Ahmet, che ha affermato che...

Turchia

Non viene accolta la richiesta che il curdo, che ancora figura nei verbali parlamentari come “lingua sconosciuta”, diventi la lingua dell’istruzione. I dirigenti delle...

Turchia

ANKARA- Il microfono della deputata del partito DEM Beritan Güneş, che ha parlato in curdo all’Assemblea generale del Parlamento in occasione della Giornata mondiale...