Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Kurdistan

Soldati e guardiani di villaggio minacciano la popolazione durante il voto

Iniziano ad arrivare rapporti su minacce e violazioni dal Kurdistan del nord, dove il voto per il referendum costituzionale è iniziato alle 7:00 di mattina. Scuole nei quartieri fanno da seggi elettorali.

Nel distretto di Gürpınar di Van, soldati e guardiani di villaggio (locali armati al servizio dell’esercito) sono entrati nelle classi di una scuola nel quartiere di Hoşap controllando le carte di identità dei votanti e impedendo agli addetti al seggio di svolgere i loro compiti.

Soldati e guardiani di villaggio non hanno prestato attenzione neanche alle obiezioni degli addetti ai seggi designati dal Comitato Elettorale Supremo (YSK), hanno puntato i fucili contro gli scrutatori quando hanno cercato di intervenire per fermarli.

“Avrete quello che vi spetta appena finiscono le votazioni. Vi faremo crollare addosso questa scuola”, hanno detto soldati e guardiani di villaggio che hanno anche fatto pressione sulla gente perché voti ‘Sì’.

ANF

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Memet Sıddık Akış, co-sindaco eletto del comune di Hakkari, è stato arrestato questa mattina e sostituito dal governatore di Hakkari. Il fascicolo investigativo utilizzato...

Turchia

La deputata del partito DEM Ceylan Akça-Cupolo chiede un’indagine sullo sfollamento forzato della popolazione di Sur avvenuto dopo la distruzione del quartiere storico. Il...

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...