Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Kurdistan

Prigionieri a Şakran vengono costretti a mettere fine allo sciopero della fame

Mentre continua lo sciopero della fame nelle carceri turche, l’amministrazione del carcere di Şakran ha annunciato che farà un intervento medico forzato sui prigionieri che sono al 61° giorno di sciopero della fame. Lo sciopero della fame iniziato 13 prigionieri nel carcere di Şakran continua nel 61° giorno. Dal 15 febbraio 278 prigioniere e prigionieri in 29 carceri si sono uniti allo sciopero della fame.I prigionieri della sezione T2 del carcere di Şakran oggi hanno ricevuto visite dei familiari e hanno detto ai loro parenti che l’amministrazione del carcere li ha minacciati di interventi medici “forzati” se non dovessero mettere fine allo sciopero della fame. I prigionieri hanno detto che non accetteranno mai questo approccio, aggiungendo quanto segue:

“L’amministrazione del carcere ha detto che stiamo entrando in una fase pericolosa e che dobbiamo andare in infermeria e mettere fine allo sciopero della fame. Abbiamo detto all’amministrazione che non accetteremo mai un approccio del genere. Non accetteremo l’approccio della direzione del carcere e resisteremo a questa pratica arbitraria. L’amministrazione del carcere, il Ministero della Giustizia e il pubblico silenzioso sono responsabili per i risultati negativi qui. Non accettiamo alcun intervento medico messo in atto senza il nostro consenso. Il pubblico deve essere consapevole di questa questione.”

 

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...

Turchia

Sara Kaya, ex co-sindaco del distretto di Nusaybin a Mardin, è stata rilasciata dal carcere il 9 maggio dopo un lungo periodo di detenzione....

Turchia

Un gruppo di 159 accademici, scrittori, parlamentari e avvocati ha chiesto il rilascio delle persone imprigionate nel processo di Kobanê e ha affermato: “Questo...