Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Diritti umani

La polizia terrorizza la gente prima della manifestazione di Erdoğan ad Amed

La principale città curda di Amed è stata trasformata in un carcere a cielo aperto prima della manifestazione che il Presidente turco Recep Tayyip Erdoğan e il Primo Ministro Binali Yıldırım terranno nel pomeriggio.

Migliaia di poliziotti portati ad Amed prima della manifestazione con il Presidente turco Recep Tayyip Erdoğan e il Primo Ministro Binali Yıldırım oggi pomeriggio stanno terrorizzando la gente in tutta la città. Tra controlli sui precedenti penali e dei documenti da parte della polizia a ogni passo, sono stati mobilitati veicoli della municipalità per portare sostenitori dell’AKP e guardie alla manifestazione dai villaggi circostanti.

Mentre per i residenti che non sostengono l’AKP di fatto è in atto un coprifuoco, le forze di polizia si sono dispiegate in ogni angolo e in ogni strada e quasi tutte le aree sono coperte da bandiere turche e immagini di Erdoğan. Elicotteri volano bassi sulla città e sono state aumentate le misure di sicurezza intorno agli uffici del governatore. Le bandiere ‘No’ di HDP e CHP sono state rimosse nelle strade che conducono all’ufficio del governatore e in tutte le strade che verranno attraversate da Erdoğan.

Il traffico è stato bloccato in numerose strade dalle prime ore del mattino e la polizia controlla documenti e precedenti penali di praticamente ogni singola persona e a coloro che non sono registrati ad Amed vengono poste domande come “Perché sei qui?” e “Cosa fai qui?”.

Cecchini sono stati posizionati sugli edifici alti e nelle strade trafficate e la tensione in città è altra per via degli insulti delle forze di polizia e degli interventi sui residenti. Due studenti universitari sono stati arrestati per essersi opposti alla repressione della polizia.

Mentre bandiere con scritto ‘Benvenuto’ e il nome di Erdoğan sono state appese in vari posti nella città, si nota che non c’è alcuna immagine del Primo Ministro Binali Yıldırım.

Autobus della municipalità sono stati mobilitati per trasferire sostenitori dell’AKP e guardiani di villaggio – residenti locali armati che servono lo Stato in armi – alla manifestazione. 40 pullman sono stati destinati solo al trasferimento dei guardiani di villaggio. Il governatorato e funzionari municipali addetti stanno costringendo i loro dipendenti a partecipare alla manifestazione.

Intanto il governatorato ieri ha bandito la canzone per la campagna referendaria dell’HDP “Bêjin Na” [Dite No]. Una persona che suonava la canzone nella sua macchina ha dovuto affrontare un intervento della polizia.

Mentre in città la tensione resta alta, si nota che finora nessuno ha raggiunto il luogo della manifestazione.

AMED – ANF

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Un tribunale turco ha rilasciato sotto controllo giudiziario la famosa avvocatessa Feyza Altun dopo la sua detenzione per la sue affermazioni sulla “sharia”, dopo...

Turchia

Ahmet Türk, il candidato co-sindaco del partito DEM a Mardin, ha chiarito le sue dichiarazioni riguardo al presidente Erdoğan. Ahmet, che ha affermato che...

Turchia

Non viene accolta la richiesta che il curdo, che ancora figura nei verbali parlamentari come “lingua sconosciuta”, diventi la lingua dell’istruzione. I dirigenti delle...

Turchia

ANKARA- Il microfono della deputata del partito DEM Beritan Güneş, che ha parlato in curdo all’Assemblea generale del Parlamento in occasione della Giornata mondiale...