Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Diritti umani

Sciopero della fame nel carcere di Şakran al 41° giorno: Non riuscivo a riconoscere mio figlio

İZMİR – “Non riuscivo a riconoscere mio figlio quando sono andata a trovarlo in carcere. Ha perso peso. Ci parlava e cercava di sorridere. L’ho riconosciuto dai denti quando ha sorriso,” dice Hazal Yaşar, madre di Özkan Yaşar che è in sciopero della fame.

Lo sciopero della fame a oltranza iniziato da 26 prigionieri politici il 15 febbraio nel carcere di tipo T di Aliağa Şakran a İzmir continua. Secondo rapporti rilasciati dall’Iniziativa di Solidarietà con le Carceri, i prigionieri hanno perso peso e sono in condizioni critiche.

Hazal Yaşar, madre di Özkan Yaşar che si trova in sciopero della fame, ha affermato che non riusciva a riconoscere suo figlio quando è andata a trovarlo in carcere e ha fatto notare che i prigionieri sono sotto tortura.

Affermando che i prigionieri sono in sciopero della fame contro la tortura nel carcere, Hazal ha detto, “La situazione è andata avanti così a lungo. Non potevano più sopportarlo e hanno iniziato uno sciopero della fame. Siamo oggetto di torture quando andiamo a trovarli. Fanno di tutto per impedirci di andarci. Non vogliamo lasciare soli i nostri figli.” Ricordando che suo figlio è in sciopero della fame, Hazal ha detto, “Non riuscivo a riconoscere mio figlio quando sono andata a trovarlo in carcere. Ha perso peso. Ci parlava e cercava di sorridere. L’ho riconosciuto dai denti mentre sorrideva. Due dei suoi amici lo hanno aiutato a venire a vederci. Non poteva nemmeno camminare. Mi sono sentita molto male quando l’ho visto. Le sue condizioni di salute sono pessime.”

Hazal ha chiesto sensibilità per i prigionieri e ha detto, “Tutti devono pronunciarsi contro questa situazione. Nessuno deve mandare più i suoi figli a fare il militare. I nostri figli hanno fatto il loro servizio militare e ora affrontano la morte in carcere. Non voglio niente da nessuno. Solo parlare. Perdere un figlio è così difficile. Mio figlio lì si sta dissolvendo e non possiamo fare niente. Sono in sciopero della fame contro la tortura in carcere. Aiutateci, i nostri figli moriranno. Non possiamo mangiare niente a casa. Non possiamo mangiare mentre i nostri figli in carcere hanno fame. Teniamoci per mano e non lasciamo che i nostri figli si dissolvano. Moriranno se non parliamo. Tutto è così chiaro. Parlate per l’umanità. Avere notizie da loro è molto difficile. Possiamo solo andare a trovarli. Non vogliamo lasciare soli i nostri figli. Si stanno dissolvendo davanti ai nostri occhi.”

Sujin

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

L’Associazione per i Diritti Umani è un’organizzazione volontaria per i diritti umani, indipendente dallo Stato, dal governo e dai partiti politici, che osserva le...

Turchia

L’organizzazione provinciale di Qers (Kars) del Partito Dem ha chiesto al comitato elettorale provinciale di annullare le elezioni in città. Il Partito per l’uguaglianza...

Turchia

WAN – Le proteste sono iniziate in tutta la città dopo che Abdullah Zeydan, che ha vinto le elezioni per la carica di co-sindaco...

Turchia

Affermando che il diritto di essere eletto del co-sindaco della municipalità metropolitana di Van, Abdullah Zeydan, è stato usurpato per ordine del ministro della...