Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Diritti umani

La Turchia distrugge il sito curdo dei Giardini di Hevsel: L’Unesco silente

Gli storici Giardini di Hevsel nella provincia sudorientale curda di Diyarbakir sono stati aperti alla costruzione da un decreto legge emergenziale del governo. Il sito di 7000 anni nei pressi delle sponde del fiume Tigri è divenuto sito patrimonio mondiale nel 2015 insieme alla fortezza vicino ad esso.

Parlando a Kom News, il Co-presidente della Camera degli Architetti di Diyarbakir, Serefhan Aydin, ha affermato che il Ministro dell’Ambiente e dell’Urbanizzazione ha dichiarato che stavano per costruire una moschea, dei caffè, ristoranti e parcheggi sul versante della montagna Kirklar, accanto alla zona cuscinetto vicino ai Giardini Hevsel.

“Siamo spaventati che sia un piano di lungo periodo che comprenderà l’occupazione dei Giardini di Hevsel per aumentare gli introiti di questa zona. Vediamo già dei segnali di tutto ciò e siamo molto preoccupati che Hevsel sarà distrutta.”

I Giardini, unitamente allo storico distretto di Sur a Diyarbakir sono stati danneggiati nelle operazioni militari e dagli scontri tra la metà del 2015 e l’inizio del 2016. Carri armati e veicoli armati sono stati dislocati nella zona e questo ha portato alla distruzione del suolo fertile dei giardini, mentre gli alberi continuano ad essere tagliati dagli addetti agli scavi del governo.

Secondo l’agenzia stampa curda Sujin, le autorità turche stanno insistendo negli espropri nella zona sebbene le organizzazioni ambientaliste e residenti locali abbiano formulato obiezioni giuridiche. Il rapporto afferma che il Ministro turco dell’ Ambiente e dell’Urbanizzazione a iniziato a depositare contanti sui conti bancari di alcuni cittadini che posseggono terreni nei Giardini di Hevsel senza permesso.

Anche sei quartieri nel distretto di Sur, nel centro storico di Diyarbakir, sono stati demoliti dall’artiglieria pesante e dalla bombe durante il conflitto tra l’esercito turco e la milizia curda.

Serefhan Aydin ha anche sottolineato che il coprifuoco in essere in 6 quartieri dal 25 dicembre 2015, ha diffuso anche le demolizioni in corso nei quartieri liberi da conflitti come Cevatpasa.

“ Il governo ha demolito e espropriato il distretto senza chiedere agli abitanti. Alcune di queste persone non avevano permesso al governo di urbanizzare l’area nemmeno prima che gli scontri iniziassero. Le autorità hanno iniziato ad utilizzare il conflitto come un pretesto per espropriare il distretto e anche per la gentrificazione, ha affermato Aydin.

Secondo le organizzazioni dei diritti umani, circa 120.000 persone che vivevano nel distretto sono state sfollate a causa degli scontri. La demolizione a Sur, che è iniziata nel novembre 2015 ha comportato la perdita dell’abitazione a circa 40.000 persone di sei quartieri. Un coprifuoco è stato dichiarato nella zona per demolire gli edifici senza il permesso dei proprietari di casa, un’ltra forma di esproprio secondo i residenti, afferma Sujin.

Il silenzio dell’UNESCO è stato duramente criticato dalla Camera degli Architetti di Diyarbakir e dai movimenti ecologisti, così come dagli abitanti della provincia.

“ Abbiamo scritto una lettera all’UNESCO per informarli e invitarli ad agire contro la costruzione. Tuttavia, sono silenti. Hanno guardato da un altra parte e sono rimasti tranquilli durante la demolizione di Sur. Questa volta speriamo che rompano il loro silenzio e proteggano i giardini patrimonio mondiale.” ha concluso Aydin.

 

 

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Un tribunale turco ha rilasciato sotto controllo giudiziario la famosa avvocatessa Feyza Altun dopo la sua detenzione per la sue affermazioni sulla “sharia”, dopo...

Turchia

Ahmet Türk, il candidato co-sindaco del partito DEM a Mardin, ha chiarito le sue dichiarazioni riguardo al presidente Erdoğan. Ahmet, che ha affermato che...

Turchia

Non viene accolta la richiesta che il curdo, che ancora figura nei verbali parlamentari come “lingua sconosciuta”, diventi la lingua dell’istruzione. I dirigenti delle...

Turchia

ANKARA- Il microfono della deputata del partito DEM Beritan Güneş, che ha parlato in curdo all’Assemblea generale del Parlamento in occasione della Giornata mondiale...