Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Diritti umani

A Sur continua il saccheggio di Stato con un coprifuoco parziale

Mentre il “coprifuoco” continua parzialmente a Sur, le pietre nere trasportate su camion nella valle Dicle testimoniano il saccheggio di Sur. Famiglie del Kurdistan del nord costrette a migrare verso le città negli anni ’90 per via delle politiche di evacuazione dei villaggi dello Stato turco, si erano stabilite in case di una sola stanza e baracche che avevano costruito a Sur. Si sono costruite una nuova vita, anche se povera, sotto la protezione delle strade strette e delle antiche mura di cinta. Ma le forze dello Stato nei loro attacchi hanno distrutto questo distretto con la parte più povera della popolazione e hanno causato un’altra calamità per la gente.

Una prima ricerca e vecchie foto satellitari della Camera degli Urbanisti mostrano che nell’area sono stati distrutti 1312 edifici. Le altezze degli edifici sono: 245 a un piano, 943 a due piani, 69 a tre piani, 15 a quattro piani, 30 a cinque piani e 10 a sei piani. L’area demolita è di 11.6 ettari e comprende 56 esempi registrati di architettura civile e 68 edifici significativi dal punto di vista ambientale. Il numero totale di strutture demolite è di oltre 3000. Mentre continuano le demolizioni per costruire postazioni giganti, è annunciata la demolizione di altri 976 edifici – 17 di questi sono registrati e 42 sono strutture tradizionali.

La gente vuole tornare ma lo stato gielo impedisce

23.000 persone delle 50.000 a Sur hanno dovuto traslocare a Bağlar e in altri distretti. Ricerche mostrano che il 52% delle persone trasferite a causa della guerra hanno avuto le loro abitazioni completamente o parzialmente distrutte e il 20% non ha nemmeno informazioni sulla situazione attuale. Il 30% delle persone ha perso il lavoro dopo il trasferimento. Il 64.8% vuole ritornare, il 30% è già ritornato. Il 94.5% è contrario agli espropri, ma il governo dell’ AKP non ha tenuto conto delle persone e ha “espropriato” un’area di 6.300 lotti, ora continuano le demolizioni a pieno ritmo. L’appello dell’Associazione dell’Ordine degli avvocati di modificare il decreto di esproprio urgente è stato rifiutato dalla 6° Camera del Consiglio di Stato.

A Sur l’economia è quasi finita

C’è distruzione sociale ed economica e culturale a Sur. Durante la chiusura, Sur ha sofferto perdite per circa 600 milioni di lire turche. Centinaia di negozi sono stati chiusi per via dei coprifuoco, scontri e dell’assedio che ne è derivato e molte imprese sono crollate. A questo mix si è aggiunta la crisi economica dovuta all’inasprimento della guerra e ora l’economia a Sur è quasi finita.

I siriani che ricevono la cittadinanza vengono insediati a Sur

Mentre le demolizioni continuano a pieno ritmo, lo Stato sta insediando rifugiati siriani a Sur al posto delle persone costrette a migrare per via della guerra. Ci sono preparativi per far votare al referendum del 16 aprile siriani collocati nelle zone di Alipaşa, Melikahmet, İskenderpaşa, Süleyman Nazif, Ziya Gökalp, Lalebey, Abdal Dede, Cami Kebir e Cami Nebi. La popolazione di Sur sta protestando contro la presenza di molti siriani nelle liste inviate nei quartieri e dice che il vero piano è sempre stato questo.

 

MELEK YÜKSEL

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Un tribunale turco ha rilasciato sotto controllo giudiziario la famosa avvocatessa Feyza Altun dopo la sua detenzione per la sue affermazioni sulla “sharia”, dopo...

Turchia

Ahmet Türk, il candidato co-sindaco del partito DEM a Mardin, ha chiarito le sue dichiarazioni riguardo al presidente Erdoğan. Ahmet, che ha affermato che...

Turchia

Non viene accolta la richiesta che il curdo, che ancora figura nei verbali parlamentari come “lingua sconosciuta”, diventi la lingua dell’istruzione. I dirigenti delle...

Turchia

ANKARA- Il microfono della deputata del partito DEM Beritan Güneş, che ha parlato in curdo all’Assemblea generale del Parlamento in occasione della Giornata mondiale...