Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Diritti umani

Gli Accademici: Continueremo la nostra lotta

ANKARA – Gli accademici, che sono stati rimossi dal loro incarico dal servizio pubblico attraverso un decreto rilasciato la scorsa notte, hanno fatto una dichiarazione nel Campus Celebi con i loro colleghi e studenti. Dichiarando che sono stati dismessi dal loro lavoro per le loro richieste di pace, gli accademici hanno affermato: “Continueremo la nostra lotta”.

La scorsa notte è stato rilasciato il decreto N° 686 rilasciato nell’ambito dello stato di emergenza dichiarato in Turchia dopo il tentativo di colpo di Stato del 15 luglio 2016.4,464 funzionari governativi inclusi accademici e insegnanti sono stati dismessi. In totale 330 accademici sono stati rimossi dal pubblico servizio attraverso il decreto emanato. Le rimozioni alla Facoltà di Comunicazione dell’Università di Ankara sono proseguite. Tra gli accademici rimossi, ci sono accademici importanti come il Prof. Dr. Nur Betül Çelik, Prof. Dr. Mine Gencel Bek, Funda Başaran Özdemir, Funda Şenol Cantek, Prof. Dr. Ülkü Doğanay e Aylin Aydoğan. Anche molti accademici della Facoltà di Scienze Politiche , della Facoltà di Educazione, della Facoltà di Lingue, della Facoltà di Storia e di Geografia e della Facoltà di Giurisprudenza sono stati rimossi.

Centinaia di accademici si sono radunati nel Campus Celebi e hanno protestato contro le dismissioni. Gli studenti e di deputati del CHP hanno sostenuto gli accademici.Mentre la polizia ha impedito agli accademici di rilasciare una dichiarazione stampa alla Facoltà di Lingue, Storia e Geografia,ai giornalisti non è stato permesso di entrare nella facoltà. L’ingresso al campo è stato consentito agli studenti e ai membri della facoltà.

La nostra lotta continuerà

Dichiarando che vogliono un’università libera e scientifica l’assistente ricercatore Assistant Aysun Gezen ha affermato: “Hanno rimosso le persone che difendono l’intelligenza, la libertà scientifica  e l’autonomia dell’università, prendendoli di ira una per una.Stanno cercando di tirarci fuori da qui criminalizzando la socializzazione della conoscenza e la richiesta  di pace e ignorando la responsabilità pubblica dell’intellettuale.Ma oggi siamo insieme in solidarietà. Noi dichiariamo che continueremo la nostra lotta anche se ci rimuovono Oggi, molti dei nostri colleghi sono stati dismessi. “

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Memet Sıddık Akış, co-sindaco eletto del comune di Hakkari, è stato arrestato questa mattina e sostituito dal governatore di Hakkari. Il fascicolo investigativo utilizzato...

Turchia

La deputata del partito DEM Ceylan Akça-Cupolo chiede un’indagine sullo sfollamento forzato della popolazione di Sur avvenuto dopo la distruzione del quartiere storico. Il...

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...