Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Kurdistan

In un anno e mezzo 9000 membri di HDP arrestati e 2500 incarcerati

Il deputato di HDP Yıldırım ha affermato che gli attacchi contro HDP si sono intensificati aggiungendo: ” Noi non siamo solo un partito politico, noi siamo un movimento popolare. Siamo un albero che prende la sua forza dalle sue radici. Più ci potate e più forza avremo.”

Il vicepresidente del gruppo di HDP Ahmet Yıldırım ha dichiarato che 9000 membri di HDP sono stati arrestati nell’ultimo anno e mezzo e che gli attacchi al partito si sono intensificati durante il processo referendario sulla base dell’alleanza AKP/MHP.

Yıldırım ha evidenziato che adesso con il referendum nel programma nazionale, gli attacchi contro HDP da parte dell’alleanza AKP/MHP si sono intensificati e ha aggiunto: ” Noi non siamo solo un partito politico, noi siamo un movimento popolare. Siamo un albero che prende la sua forza dalle sue radici. Più ci potate e più forza avremo.”

Il vicepresidente del gruppo del Partito Democratico dei Popoli (HDP)  e deputato di Muş  Ahmet Yıldırım è intervenuto sul processo referendario e gli attacchi contro il suo partito e ha affermato che l’AKP ha aumentato l’intensità degli attacchi sulle opposizioni con la speculazione del colpo di stato.

“In risultato dell’ondata di violenza e della cultura del conflitto creata dal governo nell’ultimo anno e mezzo, circa 9000 dei nostri membri sono stati arrestati e 2500 di loro sono stati incarcerati. Se questo fosse accaduto a qualsiasi altro partito, quel partito non riuscirebbe oggi a tenere aperti i propri uffici. Il governo dell’AKP sta mostrando una spettacolare speculazione del colpo si stato in seguito al tentativo di colpo di stato con l’obiettivo di eliminare tutte le dinamiche di opposizione.Quando un cambiamento di regime, cioè il sistema presidenziale, è stato aggiunto a questo mix negli ultimi 4-5 mesi, hanno scelto di distruggere tutte le entità che vedono come ostacolo sulla questa strada.In questo quadro, i nostri Co-presidenti, i parlamentari, i co-sindaci e tanti tanti amici che hanno lavorato nelle sezioni provinciali e distrettuali sono stati incarcerati. “

C’è un processo giudiziario legato al calendario del referendum

Yıldırım ha proseguito: “ Circa due settimane fa l’imputazione per i nostro Co-presidente Selahattin Demirtaş è stato sottoposto alla Corte. Normalmente la prima udienza avrebbe aver dovuto avere luogo entro l’ultimo mese. Ma la data fornita è il 28 aprile, tre mesi da adesso. Anche questa è la prova che ci troviamo davanti a un processo giudiziario legato al calendario referendario. Il tribunale dove il nostro Co-presidente è sotto processo, l’8a Alta Corte Penale di Diyarbakir, è stata trovata solo un mese prima, solo per mettere i membri del parlamento sotto processo.
È la Corte meno impegnata, ma la data dell’udienza è stata rinviata.”

Noi non siamo solo un partito politico ma un movimento popolare

Il vicepresidente del gruppo di HDP ha ricordato che 12 deputati sono stati arrestati durante la prima ondata di attacchi sul loro partito e che ciò ha l’obiettivo di interrompere i lavori della sede centrale e del gruppo parlamentare. Ha sottolineato che ” Dopo gli attacchi , abbiamo raddoppiato gli sforzi  per essere meritevoli del nostro popolo e della nostra lotta. Il nostro obiettivo era che nessuno percepisse la sua assenza. Il governo dell’AKP si è accorto di questo e si è rivolto verso i nostri amici ha hanno continuato la lotta dall’esterno. Il loro obiettivo è di distruggere noi ed il nostro partito, ma qui è dove hanno sbagliato: Noi non siamo solo un partito politico, noi siamo un movimento popolare. Siamo un’istituzione che non assume mai un provvedimento senza la gente.Siamo un albero che prende la sua forza dalle sue radici. Più ci potate e più forza avremo.”

Yıldırım ha sottilneato che in nessun caso essi lasceranno il fronte legale e delle politiche democratiche e ha aggiunto: ” Ci possono anche prendere. Possono fare la 3a, la 4a o anche la 5a ondata di arresti del nostro partito. Ma anche se tutti noi veniamo incarcerati, in un modo o nell’altro altri saranno lì per riprendere da dove abbiamo interrotto.”

MELEK YÜKSEL

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Memet Sıddık Akış, co-sindaco eletto del comune di Hakkari, è stato arrestato questa mattina e sostituito dal governatore di Hakkari. Il fascicolo investigativo utilizzato...

Turchia

La deputata del partito DEM Ceylan Akça-Cupolo chiede un’indagine sullo sfollamento forzato della popolazione di Sur avvenuto dopo la distruzione del quartiere storico. Il...

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...