Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Diritti umani

I sei guerriglieri morti nelle campagne di Bitlis sono stati assassinati dai soldati?

Sei guerriglieri hanno perso la vita durante un’operazione militare turca nelle campagne di Bitlis. Un colpo di proiettile nella testa di ogni guerrigliero suscita il sospetto che ogni guerrigliero potrebbe essere stato giustiziato.

L’esercito turco ha lanciato un’operazione nelle zone rurali del vllaggio di Germav (Ilısu) a Bitlis il 12 gennaio. Durante le operazioni che sono proseguite per due giorni, sei guerriglieri hanno perso la loro vita e almeno due soldati sono rimasti uccisi.

I corpi dei guerriglieri uccisi sono stati portati all’obitorio dell’Ospedale di ricerca e di addestramento di Van, e sono stati mostrati ai loro familiari per l’identificazione. Attira l’attenzione che tutti questi guerriglieri hanno un colpo di proiettile nella loro testa, che porta a pensare a casi precedenti in cui i soldati hanno catturato i guerriglieri vivi e li hanno giustiziati.

I corpi di tre guerriglieri sono stati identificati e consegnati ai loro familiari, mentre altri corpi rimangono ancora non identificati e trattenuti all’obitorio.Questi corpi saranno seppelliti nel cimitero dei senza nome se non verranno reclamati dai familiari entro una settimana.

ANF

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Memet Sıddık Akış, co-sindaco eletto del comune di Hakkari, è stato arrestato questa mattina e sostituito dal governatore di Hakkari. Il fascicolo investigativo utilizzato...

Turchia

La deputata del partito DEM Ceylan Akça-Cupolo chiede un’indagine sullo sfollamento forzato della popolazione di Sur avvenuto dopo la distruzione del quartiere storico. Il...

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...