Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Diritti umani

La Corte Europea dei Diritti Umani scagiona la Turchia nel caso di Ceylan Önkol

La Corte Europea dei Diritti Umani si è espressa a favore dello Stato turco sul caso di Ceylan Önkol che è stato uccisa da un colpo di mortaio sparato da una postazione militare nella campagna di Diyarbakir nel 2009. La Corte Europea dei Diritti Umani ( ECTHR) ha annunciato il suo verdetto nel caso depositato dalla famiglia di Ceylan Önkol. che è stata uccisa all’età di 12 anni da un colpo di mortaio sparato da una postazione militare mentre portava al pascolo le pecore nel villaggio di Şenlik nel distretto di Diyarbakir di Lice il 28 settembre 2009.

La Corte Europea ha stabilito che lo Stato turco non ha violato il diritto alla vita della Önkol,né la sua responsabilità di eseguire un’indagine efficace sull’incidente. La famiglia di Ceylan Önkol e la gli avvocati hanno diritto di presentare appello contro il verdetto entro tre mesi.

La famiglia Önkol ed i loro avvocati si sono rivolti alla Corte Europea dei Diritti Umani l’8 ottobre 2010 e hanno ribadito la loro richiesta nel maggio 2012 dopo che la loro richiesta di una indagine efficace e imparziale è stata respinta e i responsabili non erano stati portati alla luce.

 

ANF

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Memet Sıddık Akış, co-sindaco eletto del comune di Hakkari, è stato arrestato questa mattina e sostituito dal governatore di Hakkari. Il fascicolo investigativo utilizzato...

Turchia

La deputata del partito DEM Ceylan Akça-Cupolo chiede un’indagine sullo sfollamento forzato della popolazione di Sur avvenuto dopo la distruzione del quartiere storico. Il...

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...