Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Kurdistan

Turchia: Per le multinazionali i lavoratori non hanno gli stessi diritti che in Europa

In questi giorni una delegazione della Fiom-Cgil si è recata in Turchia per un incontro con il sindacato metalmeccanico Birlesik Metal Is, nel distretto dell’industria automotive turca a Bursa. Al rientro a Istanbul, la delegazione, che ha avuto modo di fare una prima analisi delle condizioni dei lavoratori in questo settore, è stata invitata per un colloquio dalla console generale italiana in Turchia, Federica Ferrari Bravo.

Durante l’incontro la Fiom ha espresso al Consolato italiano le proprie preoccupazioni circa il degradarsi delle condizioni democratiche in Turchia e delle inaccettabili condizioni in cui i lavoratori e le lavoratrici sono costretti sulle linee di produzione. “Un paese candidato all’ingresso nell’Unione europea oltre a dover garantire i diritti democratici e civili deve poter garantire il rispetto delle condizioni di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro”, è quanto dichiarato dal sindacato dei metalmeccanici.

La responsabile per Europa della Fiom, Valentina Orazzini, e l’ergonomo Francesco Tuccino hanno avuto modo di rilevare tra lavoratori molto giovani preoccupanti condizioni di salute correlabili alle loro mansioni, hanno raccolto denunce di condizioni in cui i dispositivi di protezione collettivi in produzione sono assenti o insufficienti ed espongono i lavoratori e le lavoratrici a rischi chimici oltre che a quelli ergonomici.

“È inaccettabile che aziende multinazionali che applicano altrove misure di prevenzione dei rischi – si legge in una nota – trattino invece i lavoratori e le lavoratrici turche come se non avessero lo stesso diritto alla salute dei loro colleghi e delle loro colleghe europee. Nel colloquio la delegazione ha avuto modo di discutere anche della situazione di sfruttamento e di lavoro illegale in cui sempre più frequentemente si scoprono intrappolati soprattutto rifugiati siriani, spesso anche durante l’infanzia”.

La Fiom ha accolto molto positivamente la disponibilità del Consolato e ha sottolineato l’importanza che Istituzioni e movimento sindacale insieme giochino un ruolo rilevante nella difesa dei diritti delle lavoratrici e dei lavoratori turchi e dei princìpi democratici sotto minaccia nel paese.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Memet Sıddık Akış, co-sindaco eletto del comune di Hakkari, è stato arrestato questa mattina e sostituito dal governatore di Hakkari. Il fascicolo investigativo utilizzato...

Turchia

La deputata del partito DEM Ceylan Akça-Cupolo chiede un’indagine sullo sfollamento forzato della popolazione di Sur avvenuto dopo la distruzione del quartiere storico. Il...

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...