Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Diritti umani

Repressione della Turchia sui centri culturali curdi

Sabato le autorità turche hanno sospeso le attività di centinaia di ONG inclusi i centri culturali in tutto il paese e nella regione curda. “Siamo stati la prima associazione  ad avere la parola ” curdo” nel proprio nome quando ci siamo organizzati nel 2004.” afferma il capo dell’Unione degli scrittori curdi di stanza a Diyarbakir Yildiz Cakar.

Lei continua: “Allora la polizia ci aveva arrestati e i procuratori avevano lanciato le indagini. Nonostante tutto siamo riusciti a iniziare. Adesso 12 anni dopo le autorità turche hanno trovato una scusa per fermare le nostre attività.”

L’associazione di Cakar, le cui porte sono state sigillate dalla polizia sabato, è una delle centinaia di associazioni della società civile e di ONG prese di mira. Intervenendo al telefono da DiyarbakirCakar ha affermato che la polizia non ha presentato nessun’altra motivazione per sigillare l’ufficio dell’associazione che un decreto del governo. L’ordine ha giustificato la sospensione con lo stato di emergenza in essere nel paese dal fallito tentativo di colpo si stato del 15 luglio.

Decine di centri culturali, corsi di lingua, gruppi per i diritti delle donne, organizzazioni contro gli abusi sui bambini, per la carità e teatri sono tra le organizzazioni che il governo della Turchia ha preso di mira nell’ultimo giro di vite sulla società civile do venerdì.

Un decreto governativo  giunto la tarda notte aveva ordinato la sospensione di tutte le attività di 370, mentre unità di polizia avevano cominciato a fare irruzione nelle sedi e negli uffici, confiscando computer e dossier in 39 province in tutta la Turchia.Cakar che ha promesso di impugnare la decisione ha letto un comunicato stampa nel centro della città domenica, chiedendo una revisione della decisione del governo.Cakar è stato accompagnato con alcuni dei suoi colleghi membri dell’Unione che ha detto contava circa 300 autori e poeti curdi.

Un’altra vittima del giro di vite è stato il gruppo teatrale con sede a Istanbul “Seyr-i Mesel” che produce e mette in scena opere teatrali in lingua curda.L’attore di “Seyr-i Mesel” Ibrahim Turgay ha affermato in una telefonata che stavano preparando per un nuovo repertorio teatrale da mettere in scena il prossimo anno, quando alle loro attività  è stato imposto un arresto.

“Ma continueremo a fare il nostro lavoro. Ci sono amici , altri gruppi teatrali che c hanno detto che sono disponibili a condividere i loro palchi con noi” ha ggiunto Turgay con aria di sfida.Inoltre, l’attore ha rivelato che 10 scuole superiori e studenti universitari si erano  appena iscritti ad un corso di teatro per essere formati dal loro direttore Erdal Ceviz.

“Non hanno la pazienza con il Kurmanji. Praticando un programma razzista, ne hanno avuto abbastanza con noi. Tale politica non è una novità “, ha detto Turgay.Il “Teatro curdo è sempre stato  sospetto alle autorità. Stanno cercando di non lasciare spazio sociale per i curdi “, ha concluso.

Karzan Sulaivany

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Memet Sıddık Akış, co-sindaco eletto del comune di Hakkari, è stato arrestato questa mattina e sostituito dal governatore di Hakkari. Il fascicolo investigativo utilizzato...

Turchia

La deputata del partito DEM Ceylan Akça-Cupolo chiede un’indagine sullo sfollamento forzato della popolazione di Sur avvenuto dopo la distruzione del quartiere storico. Il...

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...