Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Donne

Prigioniera curda si è autoimmolata per protestare contro la “Guerra contro i curdi”.

Una prigioniera curda si è data alla fiamme per protestare contro la guerra in Turchia e in Kurdistan. Zehra Epli (Zeynep Sason), una componente del Partito delle Donne Libere (PAJK), secondo quanto riferito si è data alle fiamme nel carcere di Gebze nell’ovest della Turchia per protestare contro la guerra del governo turco contro i curdi.

Nonostante sia stata portata in ospedale con gravi ustioni, non è stato possibile salvare la donna.

Nata nel distretto di Sason di Batman, Epli era una studentessa del Dipartimento di Psicologia presso l’Università di Ankara quando tre anni fa si è unita al PAJK.

Secondo quanto riferito, Epli si era unita agli scontri nel distretto di Sur di Diyarbakir dopo aver passato tre anni come combattente della guerriglia, ma è stata catturata e imprigionata nel carcere di Gebze.

Centinaia di curdi si sono auto-immolati negli anni passati per protestare contro la politica del governo contro i curdi.

Dopo la cattura del leader del PKK Abdullah Öcalan nel 1999 dozzine di persone si sono auto-immolate.

Fonte: ETHA

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Memet Sıddık Akış, co-sindaco eletto del comune di Hakkari, è stato arrestato questa mattina e sostituito dal governatore di Hakkari. Il fascicolo investigativo utilizzato...

Turchia

La deputata del partito DEM Ceylan Akça-Cupolo chiede un’indagine sullo sfollamento forzato della popolazione di Sur avvenuto dopo la distruzione del quartiere storico. Il...

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...