Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Kurdistan

Bombe per lo Stato Islamico

La Turchia conduce pesanti attacchi aerei sulle milizie dando man forte agli jihadisti-Durante attacchi degli aerei da combattimento turchi su postazioni delle milizie curdo-siriane su località da loro controllate e che difendono dalla milizia terroristica “Stato Islamico” (IS) nella notte tra mercoledì e giovedì hanno perso la vita almeno 14 persone. Ankara indirizza i suoi attacchi contro quelle forze che sono tra i più acerrimi nemici degli jihadisti.

L’agenzia stampa statale Anadolu giovedì ha comunicato che l’obiettivo degli attacchi erano le postazioni delle Unità di Difesa del Popolo curde (YPG), la milizia del Partito Dell’Unione Democratica curdo-siriano (PYD), nella zona di Maarata Umm Hush a nord della città di Aleppo. Negli attacchi sarebbero stati uccisi fino 200 “terroristi”.

L‘ “Osservatorio Siriano per i Diritti Umani” che lavora da Londra ed è vicino ai ribelli siriani ha messo in dubbio queste cifre. Secondo quanto a sua conoscenza avrebbero perso la vita almeno undici combattenti delle Forze Siriane Democratiche (FDS), un’alleanza militare guidata alle delle YPG. L’agenzia stampa Firat vicina al movimento curdo finora ha parlato di 14 vittime confermate. Tra loro ci sarebbero quattro civili e dieci combattenti.

Ankara accusa PYD e YPG e i suoi battaglioni di donne YPJ di avere legami con il Partito dei Lavoratori del Kurdistan PKK vietato in Turchia. Il governo turco dalla disdetta del processo di pace con il PKK da parte del Presidente Recep Tayyip Erdogan nel luglio 2015 conduce una guerra spiegata contro la popolazione curda e le sue organizzazioni politiche. Ankara teme che successi militari e conquiste di territorio delle milizie curde in Siria potrebbero dare nuovo slancio alle richieste di autodeterminazione e autonomia regionale da parte dei curdi.

Il Consiglio di Autogoverno della Federazione autonoma del nord della Siria-Rojava, composto da territori amministrati dal PYD e da suoi alleati nel nord della Siria, ha duramente condannato gli attacchi turchi. »Con le sue azioni lo Stato turco mostra a tutto il mondo ancora una volta che il suo obiettivo non è quello di combattere IS. Mira piuttosto a quelle forze che combattono contro IS«, così il direttivo in una dichiarazione citata giovedì da Firat. “Facciamo appello al nostro popolo per una rivolta contro l’invasione da parte dello Stato turco che va contro il futuro del nostro popolo e del nostro Paese “, recita inoltre la dichiarazione.

Con i suoi attacchi contro le YPG, la Turchia attacca quelle milizie che fino ad ora nella regione hanno combattuto in modo più duro contro IS – come già gli stessi USA hanno dovuto ammettere. Ankara che con i suoi interventi combatte sia IS sia le YPG “terroristiche”. Ma critici accusano l’amministrazione Erdogan di aver sostenuto negli anni passati in modo massiccio gli jihadisti con forniture di armi e aiuti finanziari. Anche gli attacchi aerei sarebbero rivolti in primo luogo contro i curdi. L’indignazione internazionale intanto è contenuta: mentre USA e UE accusano le forze armate siriane e gli alleati russi per via dei loro attacchi contro le zone controllate dai ribelli, sulla guerra sporca di Ankara per lo più si tace elegantemente.

di Michael Streitberg

Junge Welt

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Memet Sıddık Akış, co-sindaco eletto del comune di Hakkari, è stato arrestato questa mattina e sostituito dal governatore di Hakkari. Il fascicolo investigativo utilizzato...

Siria

Definendo gli attacchi sempre più continui della Turchia come un tentativo di sabotare le elezioni, Salih Muslim ha affermato: “Il nostro popolo andrà alle...

Turchia

La deputata del partito DEM Ceylan Akça-Cupolo chiede un’indagine sullo sfollamento forzato della popolazione di Sur avvenuto dopo la distruzione del quartiere storico. Il...

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...