Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Diritti umani

I lavoratori dei canali televisivi chiusi avviano un presidio di 3 giorni a Diyarbakir

I lavoratori dei canali televisivi chiusi attraverso il decreto legge hanno avviato un presidio di protesta di 3 giorni a Diyarbakir negli uffici della Società dei giornalisti del sudest ( Güneydoğu Gazeteciler Cemiyeti – GGC) per protestare contro il decreto illegale.  I lavoratori di İMC TV, Van TV and Hayatın Sesi TV hanno preso parte alla protesta ed hanno reagito contro le pressioni sulla stampa. Molt giornalisti hanno mostrato solidarietà con i loro colleghi.

ll vero colpo di stato è contro la stampa 

Il rappresentante di Diyarbakir di IMC TV Faruk Balıkçı ha parlato della protesta ed ha sottolineato che la libertà di stampa è uno dei più importanti segni di democrazia in un paese. Balıkçı ha espresso che i giornalisti nella regione curda sono ostacolati dall’esercitare il loro diritto di produrre informazione, e l’opinione pubblica dal diritto di informazione, ed ha affermato che il vero colpo di stato è contro la stampa.

Stiamo protestando per la libertà di stampa

Balıkçı ha dichiarato: ” Noi come giornalisti che lavoriamo negli organi di informazione chiusi e in quelli che vengono mantenuti sotto pressione, protestiamo contro il decreto che chiude i canali e che ci ha lasciati disoccupati, cancellando il nostro diritto di produrre informazione e il diritto dell’opinione pubblica di avere accesso all’informazione. Stiamo avviando un presidio di 3 giorni a Diyarbakir per difendere la libertà di stampa. Chiediamo al governo di rimuovere gli ostacoli sulla libertà di stampa”.Balıkçı ha chiesto anche a tutte le persone di coscienza, i primo luogo ai giornalisti, di difendere la libertà di stampa.

Il rappresentante di Diyarbakir di Hayatın Sesi TV Cumhur Daş è intervenuto dopo la dichiarazione e ha evidenziato l’anniversario della strage di Ankara del 10 ottobre, che dice è stato l’avvio dell’attuale processo. Dopo la dichiarazione dei giornalisti, i loro colleghi che stavano seguendo la protesta hanno solidarizzato mettendo le loro videocamere ed i microfoni per terra.

ANF

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Memet Sıddık Akış, co-sindaco eletto del comune di Hakkari, è stato arrestato questa mattina e sostituito dal governatore di Hakkari. Il fascicolo investigativo utilizzato...

Turchia

La deputata del partito DEM Ceylan Akça-Cupolo chiede un’indagine sullo sfollamento forzato della popolazione di Sur avvenuto dopo la distruzione del quartiere storico. Il...

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...