Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Diritti umani

Veicoli blindati aprono il fuoco sui civili a Yüksekova: 4 morti

Yüksekova– Veicoli blindati hanno aperto il fuoco sui civili nel centro della città di Yüksekova ed hanno ucciso 4 civili. In mattinata un veicolo blindato ha aperto il fuoco sui civili nel centro della città di Yüksekova, nel distretto di Hakkari. I cittadini di nome Aydın Tümen, Serhat Buldan, Rahmi Sefalı e Nejdet İşyözü sono stati uccisi e Ayşehan Doğan, Şemsettin Çakmakçı e Memet Ali Kaya  sono rimasti feriti. I cittadini uccisi sono stati portati all’obitorio dell’ospedale di Stato e i feriti sono stati curati nello stesso ospedale.

La polizia: il veicolo blindato era guasto

Quando i dirigenti di HDP e del DBP hanno confermato l’incidente, hanno riferito che la polizia del distretto ha dichiarato loro: “Le  armi del nostro veicolo blindato erano guaste”. Tuttavia la polizia aveva bloccato la gran parte del centro cittadino e non ha consentito a nessuno di entrarvi. La polizia ha anche bloccato l’Ospedale di Stato e ha posto in detenzione alcuni cittadini che avevano cercato di scattare fotografie.

(ekip/dc/dk/gd)

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Memet Sıddık Akış, co-sindaco eletto del comune di Hakkari, è stato arrestato questa mattina e sostituito dal governatore di Hakkari. Il fascicolo investigativo utilizzato...

Turchia

La deputata del partito DEM Ceylan Akça-Cupolo chiede un’indagine sullo sfollamento forzato della popolazione di Sur avvenuto dopo la distruzione del quartiere storico. Il...

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...