Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Diritti umani

Petizione dell’Associazione dei Diritti Umani contro lo stato di emergenza

L’Associazione dei Diritti Umani ha lanciato una petizione chiedendo  l’abrogazione dello stato di emergenza e della legislazione promulgata durante lo stato di emergenza.Per quanto riguarda la petizione che è iniziata oggi (27 settembre) e per una durata di 10 giorni, i rappresentanti di IHD hanno rilasciato dichiarazioni alla stampa a Diyarbakır, Istanbul, Ankara, Adana e Hatay.

Le seguenti istituzioni hanno sostenuto la petizione : La Fondazione dei Diritti Umani di Turchia (TİHV), L’Associazione dei Giuristi Libertari (ÖHD), Gli Avvocati Democratici Libertari (ÖDAV), La Camera di Medicina di Istanbul , İstanbul LGBTİ Solidarity, Hevi LGBTİ.

Osservando che se anche l’OHAL è legittimo, deve comunque osservare norme legali internazionali, la petizione condivide inoltre i seguenti dati:

“ Secondo i dato ottenuti dalle dichiarazioni rilasciate da autorità ufficiali in date differenti, i dati nei primi 50 giorni sono i seguenti: 40.000 detenzioni, 20.000 arresti e 80.000 sospensioni , 45 giornali, 24 radio e 18 canali televisivi, 15 riviste, 29 case editrici, 3 agenzia stampa sono state chiuse. 100 giornalisti sono stati posti in detenzione, 37 giornalisti arrestati, amministratori fiduciari designati in 28 municipalità. Capi di villaggio curdi sono stati rimossi dal loro incarico in alcune città.”

BNewsdesk

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

La deputata del partito DEM Ceylan Akça-Cupolo chiede un’indagine sullo sfollamento forzato della popolazione di Sur avvenuto dopo la distruzione del quartiere storico. Il...

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...

Turchia

Sara Kaya, ex co-sindaco del distretto di Nusaybin a Mardin, è stata rilasciata dal carcere il 9 maggio dopo un lungo periodo di detenzione....