Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Diritti umani

Le forze dello Stato turco radono al suolo il quartiere storico di Kanîka a Nusaybin

Le forze di sicurezza hanno raso al suolo il quartiere di Kanîka , il primo insediamento di Nusaybin le che ospita i resti della Scuola di Nusaybin, la prima università conosciuta al mondo.Il quartiere di  Kanîka a Nusaybin distretto di Mardin, che è stato in larga parte demolito dalle forze dello Stato durante mesi di resistenza popolare contro il terrore dello Stato, è stato raso al suolo subito dopo il selvaggio assalto. Il quartiere ospita anche i resti della Scuola di Nusaybin, la più vecchia università al mondo, che confina la città del Rojava di Qamishlo.

Tutte le abitazioni dello storico insediamento sono state demolite dalle forze dello Stato, che sono entrate nel quartiere con attrezzature da costruzione e lo hanno circondato con recinzioni di filo dopo il ritiro mesi fa delle Unità di Difesa Civile (YPS).  Le macerie delle aree demolite vengono portate al di fuori del distretto con i camion.

Le forze dello Stato proseguono anche nella la distruzione delle case danneggiate sul lato delle strada Logan una ad una.

MARDİN – ANF

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Memet Sıddık Akış, co-sindaco eletto del comune di Hakkari, è stato arrestato questa mattina e sostituito dal governatore di Hakkari. Il fascicolo investigativo utilizzato...

Turchia

La deputata del partito DEM Ceylan Akça-Cupolo chiede un’indagine sullo sfollamento forzato della popolazione di Sur avvenuto dopo la distruzione del quartiere storico. Il...

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...