Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Kurdistan

La chiave per una soluzione è Ocalan, non lo stato di emergenza in Turchia

Il colpo di stato, la legge marziale, gli anni dello stato di emergenza sono tornati.Il tentativo di golpe era da parte di funzionari filo-americani. “Feto” ( organizzazione terroristica di Fethullah Gülen ) è utilizzata solo come un pretesto per non dire “USA”.In breve, la Repubblica di Turchia e gli Stati Uniti hanno perso per quanto riguarda le questioni strategiche contemporanee.La questione curda è al centro di queste questioni strategiche.Lo Stato turco ha perso nella “terza guerra mondiale” ed è sotto pressione da potenze globali.Noi non sappiamo se Washington ha giocato un ruolo nel tentativo di colpo di Stato di ufficiali militari filo-americani.

Il tentativo sembra più quello portata avanti da una giunta che è stata messa con le “spalle al muro” e “costretta a suicidarsi” piuttosto che un stile americano organizzato, “un colpo di stato esportato”.Indipendentemente da ciò, il fatto che l’apparato statale turco è entrato nella sua fase di collasso è strettamente legato al conflitto turco-americano.

La recente intervista di Erdogan con Aljazeera è stata trasmessa in concomitanza con la dichiarazione dello stato-di-emergenza. Al Jazeera ha chiesto ad Erdogan:

“Pensi che altri paesi potrebbero avere una mano nel tentativo di colpo di stato?”La sua risposta è stata:”Certo, è possibile. L’organizzazione terroristica Fethullah (Gülen) ha un meccanismo di controllo (una mente superiore).Verrà anche il momento che sarà rivelato.Cerchiamo di essere pazienti.Hanno adottato questo provvedimento con la direttiva di una mente superiore.I golpisti hanno eseguite il colpo di stato in base alle istruzioni di una mente superiore. “Tutti, da qui alla Cina sanno che questa “mente superiore” si riferisce agli Stati Uniti.

Subito dopo che il colpo di stato è stata impedito il direttore editoriale del (filo-Erdogan) Yeni Şafak Ibrahim Karagül ha scritto un articolo di opinione dal titolo “L’America voleva uccidere Erdogan.”Il governo dell’AKP non è in buoni rapporti con il movimento di liberazione curdo.Ma la ” Turchia” è la “patria comune” del popolo curdo rappresentati dal movimento di liberazione curdo.Ora, la “patria comune” sta attraversando una grave crisi.Con lo stato di emergenza dichiarato, la Turchia sta rapidamente entrando in un periodo di oscurità.La crisi non può essere risolto dichiarando lo stato di emergenza.Al contrario lo stato di emergenza esaspera la crisi.Al momento stiamo vivendo un inedita “purga interna” all’interno dello Stato.

Non vi è alcun dubbio che questo epurazione sta per traboccare “al di fuori dello Stato”.In una situazione come questa “il meccanismo del colpo di stato”che viene sfruttato, presto otterrà una mente propria e inizia a lavorare indipendentemente da chi lo controlla.E prima di sapere che Ahmet Davutoglu (ex PM) e Abdullah Gül (ex PM e presidente) sono in piedi davanti a un tribunale!

Nel suo “indirizzo ufficiale” a seguito del Consiglio di Sicurezza Nazionale (NSC) e le riunioni Consiglio dei Ministri e nel suo discorso al pubblico a Konya,Erdogan ha affermato che lo stato di emergenza l’emergenza ha come obiettivo l’eliminazione dell’Organizzazione Terrorista Fethullah e  la struttura statale parallela; anche la comunicazione del NSC ha affermato la stessa cosa.

La consueta clausola ” l’organizzazione separatista terrorista ed i suoi affiliati” (riferendosi al PKK), non è stato inclusa negli indirizzi e negli gli annunci che sono stati fatti.Se questo non è stato a causa di una ‘dimenticanza “, allora abbiamo una differenza notevole di “approccio “.

Non vi è dubbio che l’AKP ha preso un grande colpo.La spina dorsale delle Forze armate turche è stata rotta.Quasi tutti i generali e gli ufficiali militari, che dal 24 luglio 2015 in poi hanno distrutto le città curde e hanno massacrati i civili, sono diventati golpisti e sono in carcere.La Repubblica turca ha in gran parte perso la capacità di combattere su “due fronti”.

Per questo motivo, credo che chi ha dichiarato lo stato di emergenza, ha fatto una valutazione “realistica” e “limitato” per il momento il proprio obiettivo.Tuttavia ‘è una prova che ci attende a questo riguardo.Se il NSC, il governo e Erdogan in realtà non vogliono “combattere su due fronti”, quindi hanno bisogno di chiarire questo punto con il loro approccio al leader del PKK Abdullah Öcalan.Io ripeto:La “patria comune” è in grave pericolo.Una lotta comune che include laici e islamisti, turchi e curdi è indispensabile per uscire dalla crisi.Questo è possibile. La chiave di essa è nella serratura arrugginita della prigione di Imrali.Questa serratura deve essere aperta.L’isolamento di Ocalan deve finire e ha egli ha bisogno di poter svolgere il suo ruolo nell’uscita dalla crisi.

La soluzione non è con lo stato di emergenza, è con Öcalan

Veysi Sarısözen

Autore turco e editorialista per Özgür Gündem.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

La deputata del partito DEM Ceylan Akça-Cupolo chiede un’indagine sullo sfollamento forzato della popolazione di Sur avvenuto dopo la distruzione del quartiere storico. Il...

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...

Turchia

Sara Kaya, ex co-sindaco del distretto di Nusaybin a Mardin, è stata rilasciata dal carcere il 9 maggio dopo un lungo periodo di detenzione....