Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Diritti umani

Delegazione di RSF in Turchia chiede il rilascio urgente dei giornalisti in carcere

Una delegazione di Reporters Without Borders (Reporters Sans Frontières – RSF) ha fatto una dichiarazione stampa davanti al carcere di Metris per condannare gli arresti e chiedere solidarietà.Una delegazione di Reporters Without Borders è arrivata in Turchia dalla Francia in solidarietà con il rappresentante turco Erol Önderoğlu che è stato arrestato insieme alla presidente di TİHV Prof. Dr. Şebnem Korur Fincancı e allo scrittore Ahmet Nesin tre giorni fa per aver mostrato solidarietà con il quotidiano Özgür Gündem.

La delegazione di RSF ha fatto una dichiarazione stampa davanti al carcere di Metris, dove Önderoğlu è detenuto. Alla manifestazione hanno partecipato giornalisti, il deputato HDP MP Ferhat Encü e rappresentanti di partiti politici e funzionari del sindacato dei giornalisti della Turchia (TGS) e dell’associazione dei giornalisti della Turchia (TGC).

Deloire: è in corso un attacco grave

Nel suo intervento, il segretario generale di RSF Christophe Deloire ha condannato la pressione alla quale è sottoposta la stampa in Turchia.

Deloire ha detto che tutti, in particolare i giornalisti in Turchia e nel resto del mondo devono mostrare solidarietà e protestare contro questi arresti e ha proseguito: “Chiediamo che il nostro amico e rappresentante per la Turchia Erol Önderoğlu e tutti i lavoratori della stampa arrestati siano rilasciati immediatamente.”Deloire ha detto che in Turchia ci sono gravi attacchi contro la stampa e che stanno indagando in proposito.

Prader: Mostriamo solidarietà

Anche il rappresentante internazionale per i diritti umani Martin Prader nel comitato ha protestato contro gli arresti e chiesto solidarietà.

Gürsel: chiediamo la fine degli arresti

Il presidente del comitato nazionale turco dell’Istituto Internazionale della Stampa (IPI) Kadri Gürsel ha detto, “Tre dei nei nostri amici sono ingiustamente incarcerati. Chiediamo la fine immediata della pressione sulla stampa e il rilascio dei nostri amici.”Gürsel ha continuato: “Coloro i quali pensano che metteranno fine alla solidarietà con gli arresti e la pressione devono sapere che questo approccio ha rafforzato la solidarietà.”

Gürsel ha letto la lettera che Önderoğlu ha inviato dal carcere e chiesto maggiore solidarietà.È previsto che dopo la manifestazione la delegazione visiti l’ufficio di Özgür Gündem.

 

ANF

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

L’Associazione per i diritti umani ha affermato che nei primi sei mesi del 2024 si sono verificate 3.900 violazioni dei diritti nel Kurdistan settentrionale....

Turchia

Ad Amed (Diyarbakir) i sostenitori di Hüda Par stanno diventando sempre più violenti. Il partito islamista, che l’anno scorso è entrato nel parlamento turco...

Diritti umani

ŞIRNEX – Molti edifici storici saranno allagati se verrà completata la costruzione della “diga Cizre” sul fiume Tigri. Il progetto della “Diga di Cizre”...

Rassegna Stampa

Majidi, reporter e sceneggiatrice, subirà il processo immediato. In carcere dallo sbarco, fa lo sciopero della fame. Ieri ha scritto a Mattarella «Il mio...