Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Kurdistan

Guardiani di villaggio a Van: L’esercito vuole che i curdi si uccidano l’uno l’altro

Dopo gli scontri in Kurdistan, peggiora la ‘crisi dei guardiani di villaggio’ tra i militari e i guardiani di villaggio. 18 guardiani di villaggio hanno dato le dimissioni nel distretto di Çaldıran di Van e si prevede che altre dimissioni seguiranno.Dopo il recente aumento degli scontri, lo Stato cerca di attuare nuovi metodi rispetto ai guardiani di villaggio. Unità militari hanno costretto i guardiani di villaggio a tenere sotto controllo località critiche e più di recente di unirsi alle operazioni in prima linea.

Propaganda cinematografica

Si è tenuto un incontro con i guardiani di villaggio e ufficiali militari turchi a Çaldıran due giorni fa e ai guardiani sono state mostre immagini di presunti raid svolti dal PKK.

Minacce nascoste

Dopo la visione cinematografica i soldati hanno tenuto discorsi ed enfatizzato che i guardiani di villaggio devono svolgere un ruolo più attivo nel nuovo processo. Le unità militari turche hanno sottolineato che servono più guardiani di villaggio, in particolare nelle aree rurali, e hanno velatamente minacciato i guardiani dicendo che è un crimine non adempiere i doveri loro assegnati.

Guardiani di villaggio accusati di essere ingrati

Durante l’incontro sono divampate accese discussioni quando i guardiani di villaggio si sono opposti alle nuove decisioni e alcuni soldati hanno accusato i guardiani di essere ingrati e che lo Stato li ha protetti e nel corso degli anni gli ha dato montagne di soldi.

É previsto un aumento delle dimissioni

Molti checkpoint militari sono stati assegnati a guardiani di villaggio a Van, in particolare quelli che si trovano in punti critici. Alcuni guardiani di villaggio si sono opposti a queste collocazioni e si sono dimessi e si prevede che seguiranno altre dimissioni.

Ci mandano alla morte

I guardiani di villaggio hanno parlato della questione e hanno detto che vengono mandati a morire di proposito. I guardiani hanno osservato che il loro dovere principale è di proteggere i loro villaggi e sottolineato che l’obiettivo principale dell’esercito è di fare in modo che i curdi si ammazzino l’un l’altro.

 

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Memet Sıddık Akış, co-sindaco eletto del comune di Hakkari, è stato arrestato questa mattina e sostituito dal governatore di Hakkari. Il fascicolo investigativo utilizzato...

Turchia

La deputata del partito DEM Ceylan Akça-Cupolo chiede un’indagine sullo sfollamento forzato della popolazione di Sur avvenuto dopo la distruzione del quartiere storico. Il...

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...