Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Kurdistan

Commissario ONU: la Turchia attacca città curde con armi pesanti

Il Commissario ONU per i Diritti Umani Zeid Ra’ad Al Hussein ha messo in evidenza gli attacchi genocidi nel territorio del Kurdistan del nord in occasione della seduta ordinaria a Ginevra.La 32° sessione ordinaria del Consiglio ONU per i Diritti Umani è iniziata oggi nella città di Ginevra in Svizzera. Il Commissario ONU per i Diritti Umani Zeid Ra’ad Al Hussein ha svolto la relazione di aperture della sessione che durerà fino al 1 luglio.

Hussein ha fatto notare che la Turchia ha usato armi pesanti nella città curda di Nusaybin dove edifici sono stati completamente demoliti e che la distruzione si vede anche dalle immagini del satellite.

Hussein ha affermato che; “Abbiamo ripetutamente fatto dichiarazioni ed espresso le nostre preoccupazioni rispetto alle violazioni della legislazione internazionale e del diritto alla vita nel sudest della Turchia. Inoltre numerosi rapporti stanno trapelando confermando queste affermazioni. Chiediamo che un comitato collegato al nostro ufficio possa accedere alla regione e condurre una verifica sul posto.”

Hussein ha richiamato l’attenzione sull’accordo sui rifugiati tra Turchia e Unione Europea (UE) e ha fatto appello a entrambe le parti perché agiscano in conformità con i diritti umani.

Alla sessione del Consiglio ONU per i Diritti Umani partecipano rappresentanti di molti Stati e organizzazioni non governative.

GENEVA – ANF

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...

Turchia

Sara Kaya, ex co-sindaco del distretto di Nusaybin a Mardin, è stata rilasciata dal carcere il 9 maggio dopo un lungo periodo di detenzione....

Turchia

Un gruppo di 159 accademici, scrittori, parlamentari e avvocati ha chiesto il rilascio delle persone imprigionate nel processo di Kobanê e ha affermato: “Questo...