Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Kurdistan

Rapporti su esecuzioni di massa da parte dei militari turchi a Nusaybin

Testimoni oculari riferiscono alle agenzie stampa (DIHA) e JINHA di un nuovo crimine di guerra dei militari turchi nella città assediata di Nisebin (Nusaybin). Il 31 maggio oltre 20 sarebbero state giustiziate nei pressi del confine con Qamishlo e i loro cadaveri bruciati.

Come riferiscono i racconti concordi di testimoni oculari le vittime alle 22 ora locale sarebbero state da prima portate da un veicolo blindato e quattro veicoli normali nei pressi del cimitero nel quartiere „Yeni Mahalle“.  Lì le persone sarebbero state fatte disporre in tre gruppi. Successivamente un altro veicolo blindato e altri due veicoli civili avrebbe raggiunto il posto. Quando poco dopo uno dei veicoli civili ha lasciato il luogo, un plotone di esecuzione avrebbe assassinato le vittime.

La fucilazione per i testimoni sarebbe stata chiaramente visibile perché uno dei veicoli aveva lasciato i fari accesi. Uno dei poliziotti presenti successivamente avrebbe insultato per questo l’autista del veicolo.

I testimoni oculari riferiscono inoltre che dopo la fucilazione i cadaveri delle vittime sarebbero stati accatastati e bruciati. Uno dei veicoli blindati ha fatto la guardia al luogo del crimine fino all’alba mentre gli occupanti di un altro veicolo militare la mattina del giorno successivo avrebbe bruciato le ultime prove dei fatti.

Il caso ricorda le esecuzioni di massa degli anni ‘90

Il deputato HDP Ali Atalan riferisce al quotidiano Özgür Gündem di essere stato anche lui informato degli eventi da testimoni oculari. Atalan ha inoltre dichiarato: “I crimini di guerra dell’AKP verranno alla luce quando verrà tolto il coprifuoco. Qui sono all’opera forze paramilitari che hanno l’ordine di cancellare le curde e i curdi. Dopo che l’AKP e le strutture Ergenekon dello Stato profondo si sono messe d’accordo, nella regione sono state inviate le unità di JITEM.“

In effetti i rapporti dei testimoni oculari ricordano esecuzioni di massa simili da parte dello Stato turco negli anni ‘90. Così nel 1993 nel distretto di Kerboran di Mêrdîn (Mardin) 13 abitanti del villaggio sono stati oggetto di esecuzioni extragiudiziarie da parte della gendarmeria. Il comandante in carica all’epoca era un certo Musa Çitil che è stato assolto da un tribunale turco per la responsabilità di questo massacro. Çitil è attivo anche nella guerra attuale per la gendarmeria turca nella provincia di Amed (Diyarbakir). Con il suo impiego nella regione i rapporti sulle esecuzioni di massa di attiviste e attivisti curdi sono di nuovo aumentati.

Civaka Azad
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...

Turchia

Sara Kaya, ex co-sindaco del distretto di Nusaybin a Mardin, è stata rilasciata dal carcere il 9 maggio dopo un lungo periodo di detenzione....

Turchia

Un gruppo di 159 accademici, scrittori, parlamentari e avvocati ha chiesto il rilascio delle persone imprigionate nel processo di Kobanê e ha affermato: “Questo...