Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Donne

Il 73% delle donne in stato di “protezione”sono state uccise in Turchia

Secondo le organizzazioni delle donne,il 73% delle donne con ordine di protezione dello Stato sono state uccise in Turchia.Mentre la violenza contro le donne è salita alle stelle durante il governo dell’AKP,è anche significativo che il 47% degli omicidi sono commessi da mariti o ex mariti durante il processo di divorzio.

Lo stato commette violenza sessuale

Le statistiche mostrano che 7427 donne sono state uccise tra il 2002 ed il 2015.Almeno 5 donne sono state uccise ogni giorno, sufficiente per chiamare la situazione genericidio.617 donne,di cui 271 trans,sono state uccise negli 10 mesi per mano di uomini.Secondo il rapporto 2015 dell’Ufficio legale contro la molestia e lo stupro in detenzione,le forze di sicurezza dello stato sono gli autori in 410  dei casi.

Lo Stato protegge la famiglia non le donne

L’avvocato Sevda Aydın ha espresso che il vero problema è la mentalità dello Stato.Aydın ha affemato che è sbagliato che le donne che hanno subito violenza sono state portate insieme e lo Stato ha agito come mediatore.Sottolineando che le donne non vogliono essere messe in rifugi che assomigliano a prigioni,è questo è un fattore importante nell’aumento della violenza.Aydin ha affermato che lo Stato si è concentrato sulla protezione della famiglia e non della donna.Aydin ha inoltre dichiarato che :” C’è una legge in essere ma l’applicazione nella pratica è carente.La polizia i pubblici ministeri ed i giudici hanno lacune.Questa è negligenza.Le donne che denunciano sono rimandate alle loro case, senza che i pubblici ministeri vengano allertati.Questo provoca le morti.La maggior parte dei rifugi delle donne non sono adatti.C’è un limite di tempo in quei luoghi,e le donne sono costrette a tornare dai loro mariti, perché non vengono offerte la possibilità di ricostruire una vita, e poi finiscono uccise”.

Lo Stato cerca difetti nelle donne

Aydın ha dichiarato “Qual è l’approccio da parte dei giudici, i procuratori e la polizia nei confronti delle donne?Non fa differenza quanto buona è la legge,senza un cambio di mentalità.Le donne non possono esprimere se stesse di fronte al giudice.La mentalità è imperfetta e perseguita le donne.I giudici, i procuratori e la polizia cercano sempre un difetto nelle donne.C’è un senso “dell’ esporre le menzogne delle donne”.La mentalità del funzionario di polizia è quella di ‘riportare la donna al marito’.”L’avvocato Sevda Aydın ha affermato che la cosa importante è la mentalità, e proseguito: “Ci sono donne che sono più discriminatorie rispetto agli uomini. Gli agenti di polizia di sesso femminile sono più problematici in questo senso. “

ANF

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Memet Sıddık Akış, co-sindaco eletto del comune di Hakkari, è stato arrestato questa mattina e sostituito dal governatore di Hakkari. Il fascicolo investigativo utilizzato...

Turchia

La deputata del partito DEM Ceylan Akça-Cupolo chiede un’indagine sullo sfollamento forzato della popolazione di Sur avvenuto dopo la distruzione del quartiere storico. Il...

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...