Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Kurdistan

Sulla lista dei siluramenti di Erdogan

Il Presidente turco sta segando la sedia del Presidente del Consiglio dei Ministri Davutoglu. Lotta di potere all’interno del partito di governo AKP-Presto i giorni del Presidente del Consiglio dei Ministri Ahmet Davutoglu ai vertici del governo turco e del partito di governo AKP potrebbero essere contati. I media turchi riferiscono di crescenti tensioni con il Presidente Recep Tayyip Erdogan che mira a essere l’unico ad avere il potere nello Stato.

Erdogan, dopo la sua elezione a Presidente, aveva trasferito all’ex Ministro degli Esteri Davutoglu gli incarichi di capo del partito e Presidente del Consiglio dei Ministri. All’epoca il politologo Davutoglu per via della mancanza di potere interno nell‘AKP sembrava uno strumento docile di Erdogan. Ma il successo elettorale dell’AKP nel novembre 2015 ha rafforzato la posizione di Davutoglu intorno al quale si sono schierati i resti dell’opposizione interna al partito. Sempre più spesso si sono viste differenze con Erdogan. Così il Presidente del Consiglio dei Ministri ha dichiarato possibile un ritorno al processo di pace con il Partito die Lavoratori del Kurdistan (PKK), mentre Erdogan insisteva sulla distruzione totale del movimento. Mentre Erdogan chiedeva una rapida revoca dell’immunità per i deputati dell’HDP filo-curdo per poterli far condannare secondo la legge anti-terrorismo, qui Davutoglu ha scelto il percorso apparentemente più neutrale dal punto di vista della politica del partito della modifica costituzionale, ma più lungo e più rischioso a causa della necessaria maggioranza dei due terzi.

In effetti Davutoglu non si mostra troppo entusiasta sul tema dell’introduzione del regime presidenziale che limiterebbe la sua posizione di potere. “La Turchia deve superare questa dualità nella sua struttura dirigente. Per dirlo apertamente, la situazione sotto Davutoglu è diventata insostenibile. L’AKP deve cercarsi una nuova strada “, ha recentemente affermato Nasuhi Güngör, editorialista del quotidiano Sabah vicino all’AKP, in un’intervista televisiva reclamando apertamente una sostituzione di Davutoglu.

Dall‘AKP si dice che Güngör, che dopo questo ha perso il suo editoriale, avrebbe espresso solo la sua opinione personale. Ma è stato pari a un golpe interno al partito, quando il Comitato Esecutivo Centrale dell‘AKP il 29 aprile ha sottratto a Davutoglu il diritto tradizionale del capo del partito a nominare i capi della polizia provinciali e distrettuali. “Mai prima un capo di partito è stato derubato in questo modo della sua autorità. Questo significa che come partito non si fidano più di lui”, ha valutato Dengir Mir Mehmet eletto lo scorso anno al Parlamento per l‘HDP e cofondatore dell’AKP all’agenzia stampa ANF sulla perdita di potere di Davutoglu. “Il suo tempo è finito. Davutoglu è un fantasma politico.”

Come potrebbe configurarsi la caduta di Davutoglu nelle prossime settimane lo ha riferito ora Fuat Avni. Dietro questo nome si nasconde un whistleblower [gola profonda N.d.T.] della cerchia di potere interna dell’AKP, che trasmette notizie via Twitter a m o’ di fantasma. Secondo quanto dichiarato da lui stesso, ormai simpatizza con il movimento Gülen che intanto è avanzato a nemico pubblico numero uno. “Erdogan ha dato il via all’operazione -“golpe contro Davutoglu “. Il conflitto viene condotto preliminarmente nei media«, ha twittato Fuat Avni. Il Ministro delle Finanze Neci Agbal avrebbe proposto di accusare la moglie di Davutoglu di evasione fiscale. “In un paio di giorni Davutoglu cadrà proprio su questa vicenda”, così l’insider che su Twitter dispone di oltre 1,84 milioni di follower (lettori abituali) ha annunciato una corrispondente cronaca mediatica in un futuro prossimo. Fuat Avni negli ultimi due anni aveva già previsto in modo calzante numerosi intrighi interni della banda Erdogan, come ad esempio le ondate di arresti contro i seguaci di Gülen e giornalisti critici, nonché l’eliminazione di media dell’opposizione.

Potenziali successori di Davutoglu ai vertici del partito e del governo sono considerati il Ministro dei Trasporti Binali Yildirim o il genero di Erdogan Berat Albayrak. Di recente nei media che vengono attribuiti alla sfera di potere dell’ancora capo del partito Davutoglu si sono viste immagini che mostrano il figlio di Yildirim mentre gioca Poker e che in questo modo screditano la sua famiglia agli occhi dei musulmani devoti. Ora pare che Yildirim tema che vengano diffuse notizie sull’uso di droghe da parte di suo figlio, così Fuat Avni ha già annunciato il prossimo »scandalo artificiale«.

Nick Brauns

Jungewelt

Foto: Umit Bektas/Reuters

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Memet Sıddık Akış, co-sindaco eletto del comune di Hakkari, è stato arrestato questa mattina e sostituito dal governatore di Hakkari. Il fascicolo investigativo utilizzato...

Turchia

La deputata del partito DEM Ceylan Akça-Cupolo chiede un’indagine sullo sfollamento forzato della popolazione di Sur avvenuto dopo la distruzione del quartiere storico. Il...

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...