Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Diritti umani

Schiave sessuali siriane per le forze speciali

Sette bambine sono state prese dal campo profughi di Kilis per ordine del sindaco di Kilis Hasan Kara dell’AKP. Secondo un rapporto dell’agenzia stampa Hawar, le bambine sono state mandate a Cizre per essere schiave sessuali per le forze speciali.

La guerra civile siriana continua da cinque anni; molti siriani hanno dovuto lasciare la propria terra per via della guerra in corso. La Turchia è una stazione e una nuova casa per la maggior parte di loro. Oltre 2.5 milioni di siriani vivono in Turchia, tuttavia le donne e bambine siriane sono state oggetto di abuso da parte della mentalità maschile. Ogni giorno vediamo notizie sul fatto che hanno subito abusi come schiave sessuali o su come siano state vendute per non essere chiamate schiave sessuali, ma mogli di uomini che sono già sposati, come seconde mogli. Ora si trovano al centro di un’altra guerra che non è la loro, ma subiscono abusi da parte di componenti delle bande dello Stato nel Kurdistan del nord.

Forze speciali che hanno partecipato agli attacchi genocidi contro i curdi nel Kurdistan del nord hanno case per il loro “bisogno di donne”; una bambina di 16 anni dal nome S.A., che è stata in un campo profughi con sua madre e suoi familiari a Kilis, che è stata portata in una di queste case a Cizre per un periodo, ha raccontato al Centro Strategico di Ricerca Curdo cosa succedeva lì.

S.A. ha affermato che le bande dell’AKP e di Daesh collaborano tra loro per mentire a donne e bambine nei campi profughi siriani dicendo “sposatele, trovategli lavoro, adottatele “. Quelle che sono state ingannate con queste promesse sono state portate via dai campi e mandate ad agenzie, ma la maggior parte di loro è stata mandata nelle Case della Polizia(*).

S.A. ha detto che hanno adottato bambine tra i cinque e i 13 anni, ma le hanno mandate nella Turchia occidentale per ‘addestrarle’ come schiave sessuali. Ha aggiunto che le ragazze più grandi di 13 anni vengono mandate nelle Case della Polizia e vengono tenute come ‘premio’ per le forze speciali della gendarmeria turca (JÖH) e le forze speciali della polizia (PÖH).

S.A ha detto che lei, insieme ad altre sette bambine, è stata mandata a Cizre dove le politiche genocide sono andate avanti per 79 giorni, per un “ordine di servizio temporaneo” del sindaco dell’AKP di Kilis Hasan Kara. Ha continuato, “Sono arrivata a Kilis con mia madre e due sorelline, sono rimasta nel campo per un po’ e poi sono stata mandata a Cizre con “convogli di aiuti”.”

Secondo quanto riferito da S.A., il sindaco di Kilis Hasan Kara le ha detto “Che il tuo lavoro sia facile, lavora duro”, prima di mandarla a Cizre. Ha detto che la casa si trovava nel quartiere di Konak a Cizre. Ma non sa di chi sia la casa e ha aggiunto che molti funzionari di polizia si recavano nella casa che era come un albergo. S.A ha detto “È stato difficile fuggire dalla casa, ora sono ospite da una famiglia a Cizre.”

La vista delle case di Cizre dove attacchi genocidi sono andati avanti per 79 giorni da parte delle forze dello Stato turco, hanno mostrato la faccia dello Stato. JINHA ha pubblicato le foto di scatole di preservativi, biancheria femminile, galline impiccate, video pornografici e graffiti sessisti dopo che è stato tolto il coprifuoco totale.

La deputata del Partito Democratico del Popolo (HDP) Filiz Kerestecioğlu ha commentato le affermazioni della ragazzina dicendo, “Dobbiamo indagare a fondo in merito. Non solo la Turchia, ma anche l’Europa sono responsabili. Tutto il mondo è responsabile per quello che sta succedendo dando corso a guerre, espellendo persone e spingendole in un’altra orribile guerra.”

*Case della Polizia: dove soggiornano funzionari della polizia e del governo se non hanno un posto dove stare. (pensione)

JINHA

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Memet Sıddık Akış, co-sindaco eletto del comune di Hakkari, è stato arrestato questa mattina e sostituito dal governatore di Hakkari. Il fascicolo investigativo utilizzato...

Turchia

La deputata del partito DEM Ceylan Akça-Cupolo chiede un’indagine sullo sfollamento forzato della popolazione di Sur avvenuto dopo la distruzione del quartiere storico. Il...

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...