Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Diritti umani

Gültan Kışanak: la decisione dell’esproprio deve essere annullata immediatamente

La co-sindaca della Municipalità metropolitana di Diyarbakir Gültan Kışanak ha affermato che proprietà della popolazione,i monumenti storici e le chiese sono state sequestrate con la denominazione “Esproprio urgente “e che questo è contro i diritti della minoranza e l’Accordo di Losanna. Gültan ha sottolineato che questa decisione deve essere cancellata immediatamente.

Il governo dell’AKP prima ha demolito il distretto di Sur a Diyarbakir dichiarando il coprifuoco e dopo sta tentando di sequestrare la città con “L’esproprio urgente” che è stato dichiarato a Sur da una decisione del governo.La co-sindaca della Municipalità metropolitana di Diyarbakir ha valutato la decisione.Gültan ha evidenziato che la decisione,che è stata assunta attraverso l’articolo 27 della legge sugli espropri, non è un normale esproprio,è una confisca. Gültan ha affermato che lo stato ha preso la decisione di confiscare le proprietà della popolazione a Sur.

Ha dichiarato: La dichiarazione dello stato come ad esempio “Essi non confiscano la proprietà della gente” è una  dichiarazione politica.La decisione,che è stata adottata,è importante.Lo stato sta cercando di coprire la situazione utilizzando dichiarazioni politiche.La decisione dell’esproprio deve essere cancellata immediatamente.La gente non vuole l’esproprio.Per questo motivo la decisione deve essere cambiata.

Gültan ha fatto notare che la decisione di esproprio coinvolge l’intero distretto di Sur.55.000 persone e i negozianti saranno interessati dalla decisione.Ha dichiarato: Uno stato che afferma ” Prendo l’ufficio postale, il Museo della città, le moschee, le chiese e l’edificio della municipalità”,questo tipo di cose non devono accadere.Gültan ha sottolineato le chiese e gli altri luoghi di culto di differenti fedi a Sur,e ha detto che la decisione è contro i diritti delle minoranze e l’Accordo di Losanna.

Le minoranze hanno avuto molte difficoltà circa le loro proprietà per anni.Sono riusciti a salvare i loro luoghi di culto dalle fondamenta lottando.Confiscare e espropriare le proprietà delle minoranze è illegale.Gültan ha anche sottolineato che l’UNESCO è una organizzazione delle Nazioni Unite che sta lavorando a livello diplomatico e si rivolge allo stato.Ha detto inoltre che hanno inviato i rapporti al Ministero della Cultura, ma il ministero non ha dato i rapporti all’UNESCO.

Gültan ha ricordato la dichiarazione della delegazione dell’UNESCO, che è stata fatta quando la delegazione era giunta a Diyarbakır :””Noi non ci occupiamo solo degli edifici e dei beni materiali, siamo interessati anche alle esperienze spirituali .” “La vita a Sur è stata danneggiato, così il processo dell’UNESCO sarà obbligato a causa della vita danneggiata.”

(gc/gd)

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Un tribunale turco ha rilasciato sotto controllo giudiziario la famosa avvocatessa Feyza Altun dopo la sua detenzione per la sue affermazioni sulla “sharia”, dopo...

Turchia

Ahmet Türk, il candidato co-sindaco del partito DEM a Mardin, ha chiarito le sue dichiarazioni riguardo al presidente Erdoğan. Ahmet, che ha affermato che...

Turchia

Non viene accolta la richiesta che il curdo, che ancora figura nei verbali parlamentari come “lingua sconosciuta”, diventi la lingua dell’istruzione. I dirigenti delle...

Turchia

ANKARA- Il microfono della deputata del partito DEM Beritan Güneş, che ha parlato in curdo all’Assemblea generale del Parlamento in occasione della Giornata mondiale...