Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Diritti umani

La violenza contro le donne aumenta in guerra

Mentre la violenza dello stato in Kurdistan si rivolge verso le donne,la mentalità maschile dominante ha preso di mira le donne e i bambini a ovest.I membri dell’Iniziativa delle donne per la pace (BİKG) hanno affermato che il militarismo e la guerra sono direttamente collegati alla violenza contro le donne e hanno dichiarato:”Noi dobbiamo intraprendere una lotta comune.Non dovrà sempre andare in quel modo,un giorno saremo liberi in pace.”

Le politiche di guerra dello stato,che sono messe in pratica in Kurdistan,sono viste a ovest come violenza contro le donne e abusi sessuali contro i bambini.Le esponenti dell’Iniziativa delle donne per la pace (BGIK) hanno affermato che il militarismo e la guerra sono direttamente collegate alla violenza contro le donne.Hanno valutato gli effetti della guerra sulle donne.

Una di loro è Seher Kalkan. Seher ha dichiarato” Gli assassini delle donne sono aumentati recentemente.Noi non pensiamo che non siano collegati ad un contesto di guerra.Lo stato potenzia sempre la violenza maschile.La punizione delle donne,per coloro che vogliono la pace,è collegata a queste politiche.

“Mentre parliamo di processo di pace,ci ritroviamo in guerra.Le donne che hanno chiesto pace sono state uccise.I loro corpi senza vita sono stati identificati nelle strade o sono state incarcerate.Sono state esposte alla violenza sessuale quando sono state poste in detenzione.Il più piccolo sostengo alla pace è prezioso.La violenza contro le donne ed i bambini è aumentato in guerra.”

Un’altra esponente dell’Iniziativa delle donne per la pace (BİKG) Dünya Erdem, nel frattempo afferma:”Gli uomini hanno creato questa guerra.La violenza contro le donne è aumentata in Kurdistan e a ovest.Donne sono state uccise e ragazzini molestati.”” Dünya ha ricordato gli accademici e ha dichiarato :”Gli accademici sono stati arrestati solo perchè hanno firmato una petizione per la pace.Hanno chiesto di fermare la guerra come i giornalisti e gli avvocati.”

Nilgün Yurdalan, dice “Dobbiamo portare avanti una lotta comune.Non dovrà sempre andare così.Un giorno saremo liberi ed in pace.”

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

L’Associazione per i Diritti Umani è un’organizzazione volontaria per i diritti umani, indipendente dallo Stato, dal governo e dai partiti politici, che osserva le...

Turchia

L’organizzazione provinciale di Qers (Kars) del Partito Dem ha chiesto al comitato elettorale provinciale di annullare le elezioni in città. Il Partito per l’uguaglianza...

Turchia

WAN – Le proteste sono iniziate in tutta la città dopo che Abdullah Zeydan, che ha vinto le elezioni per la carica di co-sindaco...

Turchia

Affermando che il diritto di essere eletto del co-sindaco della municipalità metropolitana di Van, Abdullah Zeydan, è stato usurpato per ordine del ministro della...