Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Iniziative

I curdi dicono ‘no’ all’accordo Ue-Turchia: “E’ deportazione!”

ROMA- Mentre il presidente del Consiglio Matteo Renzi svolge le sue comunicazioni sul Consiglio europeo nell’Aula del Senato, giusto sotto Palazzo Madama una manifestazione di curdi e attivisti protesta proprio contro l’intesa fra Bruxelles e la Turchia per il contenimento dei profughi in fuga dalla Siria devastata dalla guerra.

“Quello che si deciderà a Bruxelles sarà il più grande piano di deportazione e concentramento mai concepito dalla fine della seconda guerra mondiale”, denunciano, “e l’ultima abiezione della politica del filo spinato che i governi d’Europa praticano da mesi, in spregio a qualsiasi principio umanitario e in barba agli stessi trattati europei”. Sotto accusa è la Turchia, che da decenni reprime duramente il popolo curdo. “Resistenza Kurdistan, liberate Ocalan, Rojava libertà, assassino Erdogan” sono i cori ritmati dal presidio in piazza delle 5 lune.

“La Turchia non può essere considerata un ‘paese sicuro’ per i profughi- denunciano i manifestanti- come ipocritamente dichiarano i governanti europei. Il suo governo non è in grado di garantire la sicurezza e la libertà nemmeno per i suoi cittadini: da mesi massacra la minoranza curda, incarcera e inquisisce i giornalisti, i magistrati, i sindacalisti e i docenti universitari”.

Sotto accusa anche il ‘finanziamento’ europeo ad Ankara perché trattenga i profughi. “L’Europa libera di Schengen, l’Europa dell’accoglienza e dei ‘buoni principi’ è un simulacro dietro cui si nasconde il suo fondamento neoliberista- accusano i manifestanti- tutelare proprietà e benessere delle classi dominanti a scapito degli oppressi che, dentro e fuori i propri confini, lottano per la sopravvivenza”. E ancora più grave, accusano i movimenti curdi, è che “i soldi che l’Europa dà alla Turchia di Erdogan non serviranno ad aiutare i profughi ma andranno a finanziare la guerra in Siria contro le forze di autodifesa dello Ypj e Ypg (curdo siriani, ndr) che da anni contrastano l’avanzata di Isis-Daesh e la devastazione dei territori del sud est turco”, a maggioranza curda, “dove vige costantemente il coprifuoco” imposto dall’esercito turco. Insomma, “come accade da 100 anni- concludono- il popolo curdo viene ancora una volta sacrificato in nome dei reciproci interessi di Europa e Turchia”.

AgenziaDIRE «www.dire.it»

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Rassegna Stampa

Majidi, reporter e sceneggiatrice, subirà il processo immediato. In carcere dallo sbarco, fa lo sciopero della fame. Ieri ha scritto a Mattarella «Il mio...

Iniziative

10° Anniversario del Genocidio di Şengal. Sabato 3 agosto al CSOA La Strada- Roma    

Appelli

All’alba del 22 maggio scorso, durante una vasta operazione di polizia, Talip è stato arrestato con una serie di accuse infamanti e surreali. Attualmente...

Rassegna Stampa

MEDIO ORIENTE. Un caso di violenza sessuale scatena attacchi che si estendono a molte città. Negozi, case e auto distrutte, violenze: 3 milioni di profughi...