Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Kurdistan

Oggi mi hanno messo nelle mani cinque chili di ossa e hanno detto: “Prendile, è tuo marito”.

‘Hanno assassinato mio marito. Oggi mi hanno messo nelle mani cinque chili di ossa e hanno detto: ‘Prendile, è tuo marito’. Hanno crudelmente assassinato mio marito. Lo hanno bruciato. Di lui non è rimasto niente …’

A Cizîr (Cizre) durante il coprifuoco e le operazioni militari hanno perso la vita oltre 200 persone. I militari hanno concluso le operazioni. Il coprifuoco è ancora in corso e anche le violenze da parte delle forze di sicurezza. L’identificazione dei cadaveri delle vittime del massacro nelle tre cantine di Cizîr non si è ancora conclusa – e ora le persone tremano per le vite dei loro parenti a Sûr sotto assedio.

Come tanti altri, anche Lütfiye Duymak ha consegnato il DNA per identificare i resti degli assassinati nelle cantine di Cizîr resi irriconoscibili con il fuoco e così almeno avere una certezza sul destino dei propri cari. Cerca suo marito. Sa dov’era. Anche lui era in una cantina di Cizîr …

Anche se la maggioranza non conoscerà il nome di suo marito, molti lo hanno visto quando era ancora vivo. La sua immagine è passata nei media, anche qui. Mahmut Duymak era quello in primo piano nel gruppo di persone intorno al deputato dell’HDP Faysal Sarıyıldız che con una bandiera bianca si sono avviati per recuperare i cadaveri delle persone che il 20 gennaio erano state assassinate dalle forze di sicurezza turche. Al suo fianco un gruppo di cameraman di IMC TV. Le immagini sono passate su Internet. Il gruppo è stato colpito dagli spari dei militari turchi. Un cameraman e altre due persone hanno perso la vita, 9 sono stati feriti. Quella volta Mahmut Duymak è stato fortunato. Non è stato ferito. È rimasto a Cizîr. È una città piccola. Vive qui. Da ultimo è in giro con Ahmet Tunç, vanno in direzione di Cudi. Quando viene assassinato Ahmet Tunç, Mahmut Duymak si mette al sicuro in una cantina. La casa ha il numero 23 e si trova nel quartiere Cudi.

Mahmut Duymak è padre di sei bambini. Ha 51 anni e vive a Cizîr nel quartiere Cudi. Viene da un villaggio presso Cizîr. Il suo villaggio si chiama Deştalelan. Quando lo stato turco negli anni ’90 brucia i villaggi dei curdi, lascia il suo villaggio e va a Tarsus presso Mersin. Solo nel 2001 torna con la sua famiglia a Cizîr. Quando a Cizîr viene proclamato il coprifuoco e inizia il pesante bombardamento su Cudi, la famiglia trasloca nel quartiere Nur. Mahmut Duymak è in giro giorno e notte. In giro per recuperare feriti e salvare vite.

Lütfiye Duymak accusa. „Hanno assassinato mio marito. Oggi mi hanno messo in mano cinque chili di ossa e hanno detto: ‚Prendile, è tuo marito. Hanno crudelmente assassinato mio marito. Lo hanno bruciato. Di lui non è rimasto niente …“

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

L’Associazione per i Diritti Umani è un’organizzazione volontaria per i diritti umani, indipendente dallo Stato, dal governo e dai partiti politici, che osserva le...

Turchia

L’organizzazione provinciale di Qers (Kars) del Partito Dem ha chiesto al comitato elettorale provinciale di annullare le elezioni in città. Il Partito per l’uguaglianza...

Turchia

WAN – Le proteste sono iniziate in tutta la città dopo che Abdullah Zeydan, che ha vinto le elezioni per la carica di co-sindaco...

Turchia

Affermando che il diritto di essere eletto del co-sindaco della municipalità metropolitana di Van, Abdullah Zeydan, è stato usurpato per ordine del ministro della...