Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Diritti umani

Famiglie in sciopero della fame da 17 giorni

Da 17 giorni le famiglie di quattro giovani assassinati dallo stato turco a Diyarbakir sono in sciopero della fame.Affermando che la 17enne Rozerin e Ramazan sono da 17 giorni senza sepoltura, Elif Öğüt, una delle madri in sciopero della fame dichiara:”Non appassiranno i loro corpi ,non appassirà l’umanità.”

Le famiglia di Mesut Seviktek e İsa Oran che sono stati uccisi 25 giorni fa,e di Ramazan Öğüt che è stato ucciso 18 giorni fa e Rozerin Çukur che è stato ucciso 9 giorni fa a Sur quando è stata sottoposta a coprifuoco e ad un assedio per 47 giorni,hanno avviato uno sciopero della fame per ottenere i corpi dei loro ragazzi che lo stato rifiuta loro di accedere da 17 giorni.

Le condizioni di salute delle famiglie sta peggiorando.Le famiglie che hanno difficoltà a parlare affermano:”Continueremo lo sciopero della fame contro il diniego del diritto di seppellire i nostri ragazzi.”Molte persone hanno visitato ieri le famiglie.Dicono alle persone che vogliono andare a trovarle:”Non venite.Unitevi alle proteste per Sur.Andate e manifestate per rimuovere il coprifuoco.Non vogliamo che altri ragazzi vengano uccisi.”

ANF

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Memet Sıddık Akış, co-sindaco eletto del comune di Hakkari, è stato arrestato questa mattina e sostituito dal governatore di Hakkari. Il fascicolo investigativo utilizzato...

Turchia

La deputata del partito DEM Ceylan Akça-Cupolo chiede un’indagine sullo sfollamento forzato della popolazione di Sur avvenuto dopo la distruzione del quartiere storico. Il...

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...