Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Comunicati

Comunicato dell’associazione Verso il Kurdistan

Comunicato dell’associazione Verso il Kurdistan su quel che sta succedendo nel Kurdistan turco e invito all’azione e alla solidarietà concreta – Tre stragi in quattro mesi dal giugno 2015 ad oggi, oltre 170 morti e centinaia di feriti – Oltre 50 dichiarazioni di coprifuoco a partire dall’agosto di quest’anno – 18 città, che avevano proclamato l’autogestione, colpite dalla violenza delle forze di sicurezza turche, per un totale di oltre1.500.000 di abitanti – Più di 186 civili morti – donne, bambini, anziani, anche un neonato di 35 giorni – uccisi dai cecchini delle forze di sicurezza, che hanno impedito anche la sepoltura dei morti e l’accesso alle cure sanitarie – Città e case occupate dai militari con grande dispiegamento di carri armati e di mezzi da guerra – Centinaia di arresti, tra essi anche co-sindaci, amministratori, dirigenti del partito legale DBP e tutto questo sta avvenendo nel silenzio più assordante e complice dei media e delle istituzioni internazionali che non hanno mai smesso coprire Erdogan.

VERGOGNA!!! ROMPIAMO IL MURO DELL’OMERTA’

Come associazione manifestiamo tutto il nostro sostegno e la nostra solidarietà al popolo kurdo e invitiamo la Rete, insieme a Uiki, ad organizzare al più presto una o più iniziative contro il massacro silenzioso, ma, nel contempo, sollecitiamo iniziative di solidarietà concreta per le donne e gli uomini di quell’area.

Fin dal 1999 abbiamo avviato con le associazioni curde che ci fanno da referenti e che ci hanno trasmesso schede e informazioni sulle famiglie da adottare, un progetto che si chiama “Oltre le sbarre”. Questo progetto la cui funzione è quella di adottare a distanza famiglie di detenuti kurdi vittime della repressione carceraria, era stato avviato allora dal compianto Dino Frisullo. Oggi le famiglie che abbiamo in affido sono 120, l’impegno – 31 euro al mese o 186 euro per semestre o 372 euro all’anno – si rinnova ogni anno e, in alcuni periodi, abbiamo pure organizzato incontri in Turchia tra famiglie affidatarie e famiglie affidate. Il denaro viene consegnato alle associazioni e alle famiglie, o direttamente, o tramite un referente, ogni tre mesi.

Oltre a questo progetto, sosteniamo con le associazioni dei detenuti e dei martiri di Van e di Yuksekova anche il progetto “Berfin”, di borse di studio per le ragazze figlie appunto di detenuti e di martiri. Questo progetto, realizzato insieme alla Casa internazionale delle donne di Roma, ha un costo di 250 euro pro-capite. I fondi vengono consegnati alle ragazze e alle famiglie, presenti le associazioni, una volta all’anno, in occasione di delegazioni in Kurdistan.

Ecco un bel modo, noi riteniamo, per costruire, qui ed ora, solidarietà attiva e con-divisione con chi lotta e spera in un mondo migliore.

I versamenti vanno effettuati sul conto corrente di Banca Prossima – filiale di Milano, intestati all’Associazione Verso il Kurdistan onlus – Causali: adozione a distanza di una famiglia (progetto “Oltre le sbarre”); borse di studio per le ragazze  (progetto “Berfin”)   –  Cod. IBAN:  IT61 U033 5901 6001 0000 0111 18528

ATTENZIONE – Il codice della brochoure è stato modificato con questo sopra riportato.

28 dicembre 2015

Associazione onlus Verso il Kurdistan

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Comunicati

Nelle elezioni locali del 31 marzo, il nostro partito ha ottenuto un grande successo candidandosi alle elezioni in condizioni estremamente difficili. Dopo le elezioni...

Comunicati

Le elezioni locali del 31 marzo hanno portato alla vittoria delle masse democratiche in Kurdistan e in Turchia a favore dell’uguaglianza sociale e del...

Comunicati

Il 12 marzo ricorre l’anniversario di due massacri commessi contro il popolo curdo; uno perpetrato dallo Stato turco nel quartiere Gazi di Istanbul (1995)...

Comunicati

Il 15 Febbraio 2024 segna il venticinquesimo anniversario del rapimento di Abdullah Öcalan, catturato a Nairobi, in Kenya, a compimento di un complotto internazionale...