Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Comunicati

Assemblea Politica: Basta alle politiche di oppressione e di terrore sul popolo curdo!

Le operazioni militari devono finire, i blocchi devono essere tolti, la pace deve essere garantita!Le politiche violente e tiranniche del potere dell’Akp, del palazzo presidenziale, ai danni delle città curde in Turchia si intensificano, anche dopo le elezioni del 1° novembre. Le operazioni militari proseguono in molte città, in particolare a Cizre, Silopi e Nusaybin, e attualmente a Silvan, provocando la morte di centinaia di persone.

Il governo dell’Akp non esita a servirsi delle armi, delle bombe, dei tank, fino agli elicotteri armati, contro la sua stessa popolazione, creando un’atmosfera di guerra, simile a quella del Medio Oriente, e mettendo deliberatamente in pericolo la vita della popolazione.

Oggi a Silvan i feriti non hanno accesso agli ospedali a causa del divieto, attualmente in vigore, di uscire nelle strade. I cittadini non possono nemmeno soddisfare i loro bisogni fondamentali.

Il solo responsabile di questa situazione caotica nella regione è il governo dell’Akp / il palazzo presidenziale, che ha ripreso le azioni belliche per esercitare il potere assoluto che ha acquisito.

Questa tirannia deve finire immediatamente. Le politiche d’oppressione e di violenza esercitate sul popolo curdo devono essere abbandonate.

Le operazioni militari devono terminare, e i blocchi devono essere tolti. È necessario avviare azioni che consentano di ripristinare un’atmosfera di pace nel paese.

Siyaset Meclisi

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...

Turchia

Sara Kaya, ex co-sindaco del distretto di Nusaybin a Mardin, è stata rilasciata dal carcere il 9 maggio dopo un lungo periodo di detenzione....

Turchia

Un gruppo di 159 accademici, scrittori, parlamentari e avvocati ha chiesto il rilascio delle persone imprigionate nel processo di Kobanê e ha affermato: “Questo...