Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Kurdistan

Relazione UE critica sulla situazione in Turchia

Rilasciando in ritardo la relazione 2015 sulla Turchia, la Commissione europea ha sottolineato un andamento complessivamente negativo nel rispetto dello stato di diritto e dei diritti fondamentali nello stato turco.

Il rapporto sulla Turchia,una parte del pacchetto allargamento 2015 adottata oggi dalla Commissione europea,ha osservato che gravi carenze hanno colpito la magistratura così come la libertà d’espressione e la libertà di riunione, come la Turchia ha visto un grave deterioramento della sua situazione di sicurezza.

La relazione ha messo l’accento sulla essenzialità dei negoziati di pace da riprendere dopo che il processo di risoluzione della questione curda si è fermato,nonostante precedenti sviluppi positivi sulla questione.Secondo la Commissione, il nuovo governo costituitosi dopo la ripetizione delle elezioni del 1 ° novembre dovrà affrontare queste priorità urgenti.

Evidenziando un grave deterioramento della situazione della sicurezza della Turchia,il rapporto ha ricordato che le autorità turche hanno lanciato una vasta campagna militare e di sicurezza antiterrorismo contro il Partito dei lavoratori del Kurdistan (PKK), sia in Turchia e in Iraq.

Descrivendo l’attentato di Ankara del 10 ottobre come il più letale attacco terroristico nella storia moderna della Turchia,il rapporto Ue ha affermato che “è essenziale che siano condotte indagini rapide e trasparenti su questi atti odiosi, che miravano a destabilizzare e danneggiare la democrazia turca”.

Il rapporto ha sottolineato che l’impegno della Turchia verso l’adesione all’UE è stato controbilanciato attraverso l’adozione della legislazione chiave in materia di stato di diritto, di libertà di espressione e di libertà di riunione che ha funzionato contro gli standard europei, aggiungendo;”Il presidente è rimasto impegnato in numerose questioni fondamentali di politica interna ed estera,che ha portato in Turchia le critiche che egli stava oltrepassando le prerogative costituzionali. “

Riferendosi alla situazione nel campo del sistema giudiziario, la relazione della Commissione europea ha dichiarato che l’indipendenza della magistratura e il principio della separazione dei poteri sono stati compromessi dal 2014,e giudici e i magistrati sono stati sotto forte pressione politica.Il rapporto ha sottolineato che sono necessari notevoli sforzi per ripristinare l’indipendenza del potere giudiziario.

Secondo il rapporto, la tutela dei diritti umani e delle libertà fondamentali  era notevolmente migliorato nel corso degli ultimi anni,ma permangono gravi lacune come il rispetto dei diritti derivanti dalla Convenzione europea dei diritti dell’uomo (ECHR) e la giurisprudenza della Corte europea dei diritti dell’uomo (CEDU), non è ancora pienamente garantita.

Sottolineando che vi è urgente necessità di adottare una legge quadro globale sulla lotta alla discriminazione, in linea con gli standard europei,il rapporto afferma che la Turchia deve anche garantire efficacemente i diritti delle donne, dei bambini, delle persone lesbiche, gay, bisessuali, transessuali e degli individui intersessuali (LGBTI) i e garantire sufficiente attenzione all’inclusione sociale dei gruppi vulnerabili, come i Rom.

Il rapporto ha anche evidenziato una ricaduta significativa nei settori della libertà di espressione e della libertà di riunione, affermando che la legislazione sulla sicurezza interna contraddice le misure delineate nel piano d’azione del Marzo 2014 sulla prevenzione delle violazioni dell’ ECHR con la concessione di ampi poteri discrezionali alle forze dell’ordine, senza un adeguato controllo.

Ricordando che l’escalation di violenza nella regione curda da luglio ha sollevato serie preoccupazioni per violazioni dei diritti umani, afferma il rapporto;”Le misure antiterrorismo adottate in questo ambito devono essere proporzionate.La Turchia dovrebbe ampliare la portata e migliorare il controllo dell’attuazione del piano d’azione. “

La relazione della Commissione europea ha inoltre sottolineato che; “Dopo diversi anni di progressi in materia di libertà di espressione, una seria ricaduta si è vista negli ultimi due anni,con un certo livello di preparazione in questo campo.Procedimenti penali nuovi e in corso e nei confronti di giornalisti, scrittori o utenti dei social media, l’intimidazione di giornalisti e media, nonché le azioni delle autorità che limitano la libertà dei mezzi di comunicazione sono di notevole preoccupazione.

ANF

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

L’Associazione per i Diritti Umani è un’organizzazione volontaria per i diritti umani, indipendente dallo Stato, dal governo e dai partiti politici, che osserva le...

Turchia

L’organizzazione provinciale di Qers (Kars) del Partito Dem ha chiesto al comitato elettorale provinciale di annullare le elezioni in città. Il Partito per l’uguaglianza...

Turchia

WAN – Le proteste sono iniziate in tutta la città dopo che Abdullah Zeydan, che ha vinto le elezioni per la carica di co-sindaco...

Turchia

Affermando che il diritto di essere eletto del co-sindaco della municipalità metropolitana di Van, Abdullah Zeydan, è stato usurpato per ordine del ministro della...