Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Diritti umani

19 co-sindaci in carcere invece di amministrare le municipalità

In circa tre mesi in nove province:* 18 co-sindaci del Partito Democratico delle regioni (DBP) sono stati arrestati.*Un co-sindaco è stato destituito ed è stato messo agli arresti domiciliari.*Due portavoce di consigli provinciali sono stati arrestati.* Quattro co-sindaci non sono stati arrestati, ma sono stati destituiti
.

Il co-presidente dell’Unione delle amministrazioni locali Çimen Işık segnala che tutti i casi hanno avuto l’ordine di riservatezza.

Işık ha affermato: “Non rinneghiamo lo stato pur dichiarando l’autogoverno,diciamo allo stato più democrazia.In molte distretti dove è stato dichiarato l’autogoverno sono stati confiscati molti veicoli delle municipalità.Voglio dire, i comuni informano il governatorato sul servizio pubblico e se il governatorato approva,il comune inizia a lavorare.”

Il 18% dei co-sindaci del DBP sono stati indagati

Dismissioni e licenziamenti continuano in 18 municipalità.Quattro sindaci arrestati su 19 provengono da municipalità della provincia,mentre 15 provengono da municipalità del distretto.

Sono stati arrestati 10 sindaci di sesso femminile e 9 di sesso maschile.Le donne sono state mandate al carcere di Sincar ad Ankara,mentre gli uomini sono stati mandati al carcere di Kırıkkale.

Işık ha espresso:”La Turchia vuole precludere ai co-sindaci dall’essere abbracciati dai cittadini mantenendoli vicini.Vogliono anche punire i sindaci tenendoli lontani dai loro familiari.

La co-presidenza è stata accettata dopo gli arresti

Işık:”E ‘assai sorprendente che sembravano accettare la co-presidenza una volta che ci volevano arrestare.Essi non lo hanno riconosciuto prima.”

Giustificazione:L’autogoverno e le proteste degli scudi umani

Ci sono due giustificazioni per gli arresti:la partecipazione alle proteste degli scudi umani e le dichiarazioni di autogoverno.

12 co-sindaci saranno sottoposti a processo secondo l’articolo 302 del codice penale turco(TCK);si afferma”Una persona che denigra pubblicamente la nazione turca,lo stato della Repubblica turca o la Grande Assemblea di Turchia e le istituzioni giudiziarie dello stato sarà punito con l’incarcerazione a 6 mesi a 2 anni.”

Secondo i media 11 altri co-sindaci saranno processati con l’accusa di”commettere il reato per conto di organizzazione illegale.

 

 

Clicca qui per leggere l’articolo in turco

 

1 Comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...

Turchia

Sara Kaya, ex co-sindaco del distretto di Nusaybin a Mardin, è stata rilasciata dal carcere il 9 maggio dopo un lungo periodo di detenzione....

Turchia

Un gruppo di 159 accademici, scrittori, parlamentari e avvocati ha chiesto il rilascio delle persone imprigionate nel processo di Kobanê e ha affermato: “Questo...