Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Diritti umani

Hdp conferma l’uccisione mirata di civili a Zergelê

Il Partito democratico dei popoli (HDP) ha pubblicato il suo rapporto sul massacro nel villaggio Zergelê situato nella regione di Qandil, dove i bombardamenti delle forze aeree turche del 1° Agosto 2015 sono costati la vita di 8 civili e decine di altri feriti nelle prime ore del mattino del 1 agosto 2015

Sulla base delle osservazioni sul luogo e le testimonianze dei testimoni oculari,dei funzionari del governo locale e regionale e dei feriti,Il rapporto di HDP ha confermato che il villaggio di Zergelê villaggio contrariamente a quanto riferito dalle autorità turche era un insediamento dove vivono civili ,e che non che si trattava di un accampamento di guerriglieri delle HPG e le 8 persone uccise nel bombardamento e le decine di altre feriti erano tutti civili.Il Rapporto di HDP ha sostenuto che il bombardamento effettuato dagli aerei da guerra turchi nel villaggio di Zergelê è stato un attacco mirato contro i civili e ha documentato la distruzione causata dai bombardamenti.

Il rapporto ha anche sottolineato che, contrariamente alle affermazioni raffiguranti la regione Qandil all’opinione pubblica turca come un insediamento composta solo da una base del PKK, che in realtà è il luogo di quasi un centinaio di insediamenti civili all’interno di molti villaggi. “La popolazione sale sulle vette della regione durante l’estate,in quanto questo è il periodo dell’anno più favorevole per l’agricoltura”, dice il rapporto.

Una commissione d’inchiesta di HDP, composto dal parlamentare di Urfa Osman Baydemir,dal parlamentare si Siirt Kadri Yıldırım,dalla parlamentare di İstanbul Huda Kaya, dal vicepresidentedi HDP responsabile per le relazioni estere Nazmi Gür,dal membro di MYK Hatice Altınışık e dal rappresentante del DBP di Hewler,e dal rappresentante di MYK Silan Eminoğlu hanno fatto visita al villaggio Zergelê tra il 4-6 agosto e hanno svolto attività di ricerca e di indagine sulla luogo dei bombardamenti ea Hewlêr, Qandil e Sulaymaniyah.Anche i rappresentanti di HDP a Hewlêr, Silan Eminoğlu e Abit IKE hanno accompagnato il comitato di HDP durante la visita.

Il rapporto, preparato dalla commissione d’inchiesta, ha affermato in apertura che il Comitato esecutivo centrale del Partito democratico dei Popoli (HDP)ha incaricato il comitato per una missione di accertamento dei fatti e per chiarire la discrepanze e di per far luce sulla vera natura degli eventi e che, a causa a tale scopo il comitato ha svolto visite in ospedale per incontrare i ferita e per ascoltare le loro testimonianze di prima mano e ha visitato il villaggio di Zergelê per identificare i danni causati dai bombardamenti sul posto e per intervistare testimoni oculari dei bombardamenti aerei.

Il comitato di HDP ha anche incontrato a Hewler rappresentanti del Movimento per il cambiamento, il Consiglio nazionale curdo e Tevgera Azad a Sulaymaniyah,nonché il presidente del Governo Regionale del Kurdistan Masoud Barzani e il primo ministro Barzani Nechervan in Hewlêr per discutere dell’attacco.

Il comitato ha oncontrato prima i sopravvissuti feriti nell’attacco in ospedale e ha effettuato anche interviste ai testimoni oculari presso il villaggio di Zergelê. I sopravvissuti all’attacco con cui il comitat di HDP ha condotto colloqui faccia a faccia erano tutti i bambini, giovani, donne e gli abitanti anziani dei villaggi che vivono a Zergelê. “Gli abitanti del villaggio sono civili che qui si guadagnano da vivere con l’agricoltura e il commercio”, ha sottolineato il rapporto.

I risultati della visita al villaggio di Zergelê

Il villaggio di Zergelê dove il comitato è arrivato il 5 agosto,è situato nella valle della regione di Qandil,attraversato da un strada e da due fiumi – è stato un insediamento di civili per decenni, ha affermato il rapporto e ha aggiunto:

“Sia durante le nostre interazioni al villaggio di Zergelê e con i rappresentanti regionali, molti hanno espresso il loro disappunto per l’errata interpretazione di questo villaggio come base militare. La nostra commissione ha anche confermato che il villaggio di Zergelê è una zona residenziale di 37 unità, tra cui case, una moschea, una scuola, edifici amministrativi locali, e decine di stalle. La natura residenziale di questo villaggio durante la nostra visita è stato documentato da numerosi organi di stampa nazionali e internazionali come pure da agenzie di stampa durante la nostra visita”.

Le fasi degli attacchi arerei e i testimoni oculari

Il rapporto afferma che la commissione è stata informata attraverso le testimonianze dei sopravvissuti degli attacchi aerei al villaggio di Zergelê che:

1. La pattuglia per il combattimento aereo aveva accuratamente sorvegliato la zona con i droni due giorni prima gli attacchi aerei,

2. Il primo attacco arereo è iniziato il 1 ° agosto alle 04:00 e almeno altri due attacchi aerei ha seguito simultaneamente quello iniziale fino alle 06:00 mentre i droni della pattuglia di combattimento aereo hanno diretto l’attacco.

Tre attacchi consecutivi

Il rapporto afferma che gli aerei da guerra turchi hanno condotto tre attacchi consecutivi sul paese,il primo è stato effettuato alle 04,00, il secondo alle 4:50 circa,quando gli abitanti del villaggio stavano cercando di salvare la persone ferite nel primo attacco, e il terzo composto da quattro missili ha colpito approssimativamente alle 05:10 mentre gli abitanti del villaggio stavano cercando di salvare le persone intrappolate sotto le macerie del secondo attacco.

Il rapporto ha affermato: “Il nostro comitato ha confermato che gli attacchi aerei lunghi circa due ore lungo hanno indiscutibilmente massacrato otto civili disarmati”.

La tragedia umana dopo l’attacco

“Come risultato dell’attacco, la mattina del 1 ° agosto, 6 case sono state distrutte e tutte le unità abitative del villaggio, tra cui la moschea e la scuola, sono state danneggiate nel villaggio di Zergelê”, dice il rapporto, aggiungendo che oltre un migliaio di bambini, anziani, donne e giovani temono ancora la possibilità di attacchi a venire.

Il rapporto inoltre ha comunicato le opinioni di quei civili che sono sopravvissuti all’attacco e che hanno detto che tutti credono che la serie di attacchi aerei sono stati deliberatamente orchestrati per liberare i villaggi della regione di Qandil della sua popolazione civile.

Il rapporto ha anche affermato che la maggior parte delle fonti che gli esponenti del comitato hanno contattato hanno confermato l’esistenza di basi del PKK nella regione Qandil, tuttavia, che essi hanno anche espresso che nessun guerrigliero si rifugiano nei villaggi e che le loro basi sono lontane dagli insediamenti civili. “Inoltre, altre fonti hanno confermato che è contro le regole della guerriglia di mettersi al riparo con o entrare in contatto con i civili. Di conseguenza, il massacro di Zergelê è definito come un attacco mirato che produce l’evacuazione dei civili dai loro villaggi nella regione di Qandil “, afferma il rapporto.

Risultati

Il rapporto afferma che il comitato è giunto alle seguenti conclusioni a seguito delle sue interviste con i feriti negli ospedali, con gli abitanti del villaggio di Zergelê e con funzionari e rappresentanti dei governi locali e regionali:

1. E ‘stato confermato che il bombardamento del villaggio di Zergelê-contrariamente a quanto affermato da Ankara che si trattava di una base del PKK,è un insediamento civile. Coloro che hanno perso la vita a causa delle incursioni aeree erano civili disarmati.

2. Qandil è una vasta regione di circa un centinaio di villaggi e molti terreni. Tutte le fonti locali confermano che non ci sono e non e non ci sono mai state basi del PKK all’interno o in prossimità di questi insediamenti civili.

3. Il comunicato emesso dalle autorità turche che sostiene che il governo regionale curdo era stato informato circa gli attacchi aerei non riflette la verità. In realtà, il governo regionale curdo è stato informato solo dopo l’attacco.

4. La dichiarazione rilasciata da parte di Ankara che indica che le autorità del governo regionale curdo approvano le operazioni militari nella regione non rispecchia la verità. Al contrario, i funzionari pubblici che abbiamo incontrato hanno apertamente espresso le loro preoccupazioni con sgomento per gli attacchi aerei e le sue conseguenze.

5. I raid aerei e le sue conseguenze non sono solo contro i diritti umani, ma anche una violazione chiaramente di codici morali e umani. Un massacro di civili è stato orchestrato attraversando i confini di un altro paese per 150 km e bombardando un villaggio.

6. Anche se la responsabilità di questo attacco sono del governo turco, i paesi che hanno fornito alla Turchia le armi necessarie, non sono esenti da questa responsabilità.

7. I raid aerei mirati della regione ha causato non solo un massacro di civili, ma hanno anche causato enormi incendi boschivi che devastano la fauna della regione e che causano la distruzione dell’ambiente.

Conclusione

Il rapporto ha sottolineato nelle sue conclusioni che la responsabilità politica del massacro di civili causata dai bombardamenti delle forze armate turche risiede nel governo turco.

“Il nostro comitato è così depositario di una denuncia penale contro coloro che hanno ordinato ed eseguito gli attacchi, e che sono stati parte della catena di comando e deliberatamente hanno male informato l’opinione pubblica circa gli attacchi aerei”, hanno riferito gli esponenti del comitato, aggiungendo che “La gravità delle conseguenze di questo attacco aereo transfrontaliero pone la responsabilità sulle spalle dei governi delle nazioni che hanno fornito i mezzi per il massacro “.

Il rapporto ha invitato le nazioni che forniscono armi al governo turco di chiedere un’ulteriore garanzia che tali armi non saranno usate contro i civili e il governo dell’AKP, e a tener conto delle conseguenze atroci di questo attacco e rendersi conto che le operazioni militari non rappresentano una soluzione alle questioni poste.

La relazione di HDP termina sottolineando un forte bisogno di un cessate il fuoco reciproco per evitare nuove tragedie, crimini di guerra e un dolore irreparabile, aggiungendo che solo il dialogo ei negoziati possano portare soluzioni.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Un tribunale turco ha rilasciato sotto controllo giudiziario la famosa avvocatessa Feyza Altun dopo la sua detenzione per la sue affermazioni sulla “sharia”, dopo...

Turchia

Ahmet Türk, il candidato co-sindaco del partito DEM a Mardin, ha chiarito le sue dichiarazioni riguardo al presidente Erdoğan. Ahmet, che ha affermato che...

Turchia

Non viene accolta la richiesta che il curdo, che ancora figura nei verbali parlamentari come “lingua sconosciuta”, diventi la lingua dell’istruzione. I dirigenti delle...

Turchia

ANKARA- Il microfono della deputata del partito DEM Beritan Güneş, che ha parlato in curdo all’Assemblea generale del Parlamento in occasione della Giornata mondiale...