Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Comunicati

Il DBP chiede di protestare contro gli attacchi politici e militari

Il Partito democratico delle regioni (BDP) ha inviato una comunicazione ai consigli dei giovani e delle donne,ai co-presidenti dei distretti e delle città,agli amministratori locali e regionali e ai co-sindaci.

Nella comunicazione,il DBP ha osservato che il governo non poteva digerire la recente sconfitta elettorale e ha aumentato i suoi tentativi di manipolazione.Il DBP ha sottolineato che gli attacchi attribuiti a Isis,come quelli di Amed e Suruç sono stati effettuati attraverso gli sforzi progettuali del presidente turco e dell’AKP,e gli incendi delle foreste,i voli di ricognizione e la costruzione di postazioni di controllo hanno dimostrato che l’Akp stava preparando la guerra ed il caos,e potrebbe persino mettere a rischio la vita di milioni di persone per proteggere il proprio ruolo di governo.

Proteste devono essere organizzate immediatamente

La comunicazione del DBP ha evidenziato i pericoli delle operazioni degli ultimi due giorni per il futuro del paese,e ha indicato che le operazioni di genocidio politico e gli attacchi sulle aeree della guerriglia tentati nel 2009, e riprovati successivamente sono senza dubbio falliti.

Il DBP ha affermato che non rimarranno mai in silenzio di fronte a questi attacchi ,e ha chiesto ai consigli dei giovani e delle donne,ai co-presidenti dei distretti e delle città,agli amministratori locali e regionali e ai co-sindaci di organizzare iniziative democratiche,manifestazioni e conferenze stampa per protestare immediatamente contro gli attacchi

ANF

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...

Turchia

Sara Kaya, ex co-sindaco del distretto di Nusaybin a Mardin, è stata rilasciata dal carcere il 9 maggio dopo un lungo periodo di detenzione....

Turchia

Un gruppo di 159 accademici, scrittori, parlamentari e avvocati ha chiesto il rilascio delle persone imprigionate nel processo di Kobanê e ha affermato: “Questo...