Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Kurdistan

Demirtaş: Centinaia di cellule di ISIS aspettano ordini in tutta la Turchia

Il Co-presidente dell’HDP Selahattin Demirtaş ha partecipato alla commemorazione dei civili uccisi durante la manifestazione dell’HDP a Diyarbakir e ha dichiarato che centinaia di gruppi di ISIS attendono ordini in tutta la Turchia.

Un ragazzino non può essere il solo colpevole delle esplosioni

Demirtaş ha criticato i tentativi della polizia turca di impedire un indagine completa sull’attacco indicando in un ragazzino il solo colpevole e ha dichiarato che i collaboratori e i collegamenti adAntep,a Urfa,e in Siria devono essere pienamente svelati.Demirtaş ha anche criticato la decisione dello stato di proseguire nelle indagini in segreto e ha detto che l’HDP e la popolazione curda devono essere informate dal momento che erano gli obiettivi dell’attacco.

Centinaia di cellule di ISIS aspettano ordini

Demirtaş ha sottolineato che un tale attacco non avrebbe potuto essere organizzato senza la collaborazione di forze che appartengono allo stato,e ha dichiarato che queste forze oscure devono essere rivelate immediatamente.Demirtaş ha ricordato che centinaia di cellule di ISIS in Turchia attendono ordini  e ha chiesto la fine e ha chiesto la fine del sostegno ISIS da parte dello dello stato.

Demirtaş ha detto che il silenzio di quei partiti politici che non hanno condannato l’attentato di Diyarbakir all’HDP può essere spiegato solo attraverso il piacere che questi partiti provano dalle sofferenze dell’HDP.

Omicidi organizzati

Demirtaş ha anche commentato gli eventi successivi alle elezioni,dove il presidente di İHYA-DER Aytaç Baran è stato assassinato e 4 esponenti dell’HDP massacrati.Demirtaş ha ricordato le notifiche che il dipartimento di polizia di Diyarbakir aveva inviato all’HDP e ai sostenitori di Hizbullah due giorni prima degli avvenimenti,ed ha affermato che questi sforzi  puntano alla qualità organizzata degli omicidi.Demirtaş ha dichiarato che a Diyarbakir molti sostenitori di Hizbullah sono armati o potrebbero usare violenza.Demirtaş ha invitato i funzionari di Hezbollah a riconoscere la loro eventuale partecipazione a questa provocazione e chiedere scusa alla popolazione di Diyarbakir.

Si deve smettere dei dare armi ai Jihadisti in Turchia.

Demirtaş ha ricordato che non hanno mai indicato nessuno come bersaglio e non armeranno mai i loro sostenitori.Demirtaş ha invitato tutti a espandere le loro capacità politiche attraverso marce e raduni,e non con lo scontro armato.Demirtaş  ha avvertito l’opinione pubblica turca dell’armamento jihadista in Turchia, e ha detto che questo pericolo dovrebbe essere evitato il più presto possibile.

Nessuna coalizione con l’AKP

Demirtaş  affermato che i  colloqui per la coalizione dovrebbero essere basati sul dibattito politico,come ad esempio il processo di pace,la nuova costituzione,la libertà di parola,la resistenza di Gezi e di Kobanê e il pacchetto legge sulla sicurezza,invece del dibattito su quale partito verrà incaricato di quale ministero.Demirtaş che non dovrebbero formare una coalizione con l’AKP.

Giochi mentali prendono di mira il Kurdistan

Il co-presidente del DBP Kamuran Yüksek ha criticato le recenti dichiarazioni di Erdogan dove ha sostenuto le bande ISIS che sono oggetto delle operazioni delle YPG-YPJ a Til Abyad.Yüksek ha detto che questa affermazione è un altro esempio del sostegno di Erdoğan a ISIS, e ha invitato il popolo del Kurdistan a resiste tali giochi mentali rivolti verso il Kurdistan.

ANF

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Memet Sıddık Akış, co-sindaco eletto del comune di Hakkari, è stato arrestato questa mattina e sostituito dal governatore di Hakkari. Il fascicolo investigativo utilizzato...

Turchia

La deputata del partito DEM Ceylan Akça-Cupolo chiede un’indagine sullo sfollamento forzato della popolazione di Sur avvenuto dopo la distruzione del quartiere storico. Il...

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...