Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Diritti umani

La Turchia impedisce agli aiuti di raggiungere Kobanê

Mentre le popolazioni ritornano a Kobanê dopo una grande resistenza,il governo turco impedisce agli aiuti di raggiungere Kobanê,e ciò ha un impatto negativo sulla vita dei civili in città.Il Comitato di coordinamento costituito a Suruç,nel distretto di Urfa, dalle municipalità e dalle associazioni umanitarie ha dichiarato che lo stato turco impedisce al flusso degli aiuti di raggiungere Kobanê dalla frontiera senza nessuna spiegazione,ed esercita pressioni sul comitato per dirottare i pacchetti degli aiuti verso i campi AFAD.

La popolazione di Kobanê lotta a causa dei ritardi nella consegna dei materiali di aiuto importanti in città,come acqua da bere e cibo.Più di 1000.000 persone sono tornate a Kobanê,e una squadra composta da 40 veicoli sta duramente lavorando per pulire la città da rottami e detriti.

Il Comitato di coordinamento di Kobanê chiede un aiuto di emergenza in modo che da Settembre la popolazione soprevviva e risolva di problemi degli alloggi.

Lo stato turco confisca gli aiuti internazionali

Il consulente della municipalità di Suruç Narin Gezgör ha affermato che la consegna degli aiuti viene ritardata attraverso tattiche burocratiche, e che gli attuali aiuti non sono sufficienti  per rispondere ai bisogni della crescente popolazione d Kobanê.

Gezgör ha dichiarato che i tentativi di massacro sono falliti nonostante il difficile periodo che Kobanê ha vissuto.Gezgör ha sottolineato che l’importanza degli aiuti internazionali nella ricostruzione di Kobanê e ha detto che lo stato turco sta bloccando tutti i tentativi di consegna.

Gli aiuti di 14 autocarri compresi latte e alimenti per bambini attendono alla frontiera

Gezgör ha dichiarato che lo stato turco ha introdotto un nuovo regolamento per rallentare il flusso degli aiuti di 14 autocarri al confine.Questi regolamenti dirottano gli aiuti internazionali all’Agenzia dello stato turco per gli aiuti AFAD,che consentirebbe poi alla municipalità di Suruç di ricevere gli aiuti e di trasportali a Kobanê.

Tuttavia Gezgör ha affermato che AFAD non si impegna nella comunicazione scritta con la municipalità di Suruç,il che risulta nella mancata consegna degli aiuti,compresi latte,alimenti per bambini e vestiti.

I bisogni urgenti non vengono soddisfatti

Gezgör ha affermato che le infrastrutture e le reti di rifornimento idrico sono state rinnovate dopo la dichiarazione dell’autonomia a Kobanê,ma sono state successivamente distrutte durante gli attacchi di ISIS e i bombardamenti aerei.

Gli acquedotti per la distribuzione dell’acqua sono ancora occupati dalle forze di ISIS,il sistema fognario non è funzionale,e l’elettricità è quasi inesistente in città.Gezgör ha dichiarato che le persone in Kobanê hanno un disperato bisogno di cibo secco,prodotti per la pulizia,latte,vestiti per donne e bambini e scarpe.Materiali per le costruzioni come cemento,tondini,e mattoni sono anch’essi necessari per la ricostruzione di Kobanê.

Appello urgente per un corridoio umanitario.

Gezgör ha detto che quasi 100.000 persone  provenienti da Kobanê continuano a vivere nelle tendopoli nei pressi di Suruç,e ha chiesto al mondo intero di mostrare sensibilità e di assicurare
l’apertura di un corridoio umanitario in città.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Memet Sıddık Akış, co-sindaco eletto del comune di Hakkari, è stato arrestato questa mattina e sostituito dal governatore di Hakkari. Il fascicolo investigativo utilizzato...

Turchia

La deputata del partito DEM Ceylan Akça-Cupolo chiede un’indagine sullo sfollamento forzato della popolazione di Sur avvenuto dopo la distruzione del quartiere storico. Il...

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...