Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Donne

Le avvocatesse costituiscono un’assemblea in Turchia ed in Kurdistan

Le avvocatesse hanno in programma un’assemblea per organizzarsi contro i meccanismi giuridici che incoraggiano il femminicidio e la violenza contro le donne in Turchia. In Turchia, dove in media cinque donne vengono uccise ogni giorno, uno dei principali fattori aggravanti l’ondata del femminicidio è il sistema giuridico.

Le attiviste hanno più volte sottolineato che il sistema cerca di legge patriarcale ogni strada per scagionare o ridurre le condanne per gli autori di sesso maschile.I giudici con entusiasmo accettano argomenti inverosimili per provare che le donne sono consenzienti o provocano i loro aggressori.

Recentemente nella provincia di Mardin i tribunali hanno sostenuto che una ragazza di 13 anni aveva “acconsentito” a “stare insieme”a 28 individui che l’avevano violentata,giustificando una riduzione della pena per i suoi aggressori. Nella provincia di Bingöl, il tribunale ha stabilito che non vi era stato “consenso” nel caso di otto soldati accusati di aver abusato sessualmente di una ragazza di 15 anni.

In un altro incidente un uomo che si è presentato come ufficiale militare ha portato tre studenti a casa sua,dove ha abusato sessualmente di loro.I pubblici ministeri hanno chiesto originariamente una pena detentiva di 150 anni per l’uomo che è stato arrestato;Tuttavia, il giudice ha stabilito che il molestatore di bambini potrebbe essere rilasciato attraverso la sua stessa garanzia per tutta la durata del processo e ha ridotto la sua pena a dieci anni.

Le testimonianze delle donne e delle ragazze non hanno  contato quasi per niente in questi casi,dicono gli avvocati. Newroz Uysal, dell’Associazione degli avvocati liberi (OHD), ha detto che il grave problema giuridico della Turchia di oggi è “la mentalità patriarcale che si mostra davanti al giudice attraverso il sistema di impunità “. Ha sottolineato che i risultati di impunità sono stati particolarmente comuni nel Kurdistan in Turchia, dove lo Stato ha una lunga storia di politiche che equivalgono a una guerra sulle donne.

Le avvocatesse in Kurdistan e in Turchia hanno hanno deciso di intensificare la loro lotta per il riconoscimento delle donne nei tribunali formando una nuova istituzione:l’Assemblea delle avvocatesse. Uysal ha affermato che mentre il movimento delle donne nel settore ha operato attraverso i partiti politici o le organizzazioni non governative, vi è la necessità di una forza organizzata di avvocatesse per monitorare e seguire questi tipi di situazioni giuridiche.

L’organizzazione si occuperà più che del semplice smistamento degli innumerevoli casi di abuso del diritto delle donne; Uysal dice che cambiamenti legali sono necessari in Turchia. “Per esempio, la violenza contro le donne deve essere accettato come un crimine di odio in base a espressioni di odio”, ha detto.

Ha detto che gli avvocati sarebbero anche al lavoro per diffondere il presupposto che la testimonianza delle donne è la base fondamentale di un caso.Esse si recheranno presso le associazioni in tutto il paese per portare ad avvocatesse consulenza su casi di stupro,molestie sessuali e la violenza contro le donne nei sistemi per l’assegnazione dei casi agli avvocati. Uysal ha detto che per porre fine a una situazione giuridica in cui le voci delle donne, le esperienze e la vita non contano nulla,è giunto il momento per le donne di organizzare.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Memet Sıddık Akış, co-sindaco eletto del comune di Hakkari, è stato arrestato questa mattina e sostituito dal governatore di Hakkari. Il fascicolo investigativo utilizzato...

Turchia

La deputata del partito DEM Ceylan Akça-Cupolo chiede un’indagine sullo sfollamento forzato della popolazione di Sur avvenuto dopo la distruzione del quartiere storico. Il...

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...