Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Kurdistan

L’esercito turco bombarda le zone della guerriglia

L’Ufficio Stampa delle forze di difesa del popolo(HPG) ha riportato in una dichiarazione scritta che l’esercito turco il 26 Marzo ha bombardato le zone di difesa della Medya, aprendo il fuoco con colpi di mortaio sulle aree controllate dalla guerriglia.

L’Ufficio stampa delle HPG ha affermato che l’esercito turco ha lanciato attacchi di mortaio sulla collina di Siro e le sue pendici dalla postazione militare di Derik,situata nella zona di Gerdiya del quartiere Semzinan di Hakkari,il 26 marzo tra le 16: 00 e le 17: 00.

Il 26 marzo,tra le 14: 00 e le 15: 00,-afferma il comunicato- l’esercito turco colonialista ha effettuato voli con droni sulle zone al confine Avasin della zona di difesa della media di Martire Rahime e Martire Gafur,mentre hanno avuto luogo nelle stesse ore anche attività aeree nelle zone della regione dello Zap.

Le HPG hanno inoltre riferito che lo stesso giorno tra le 18: 30 e le 22: 30 i soldati turchi hanno lanciato colpi di mortaio sulla zona Martire Kendal dal battaglione di artiglieria situato di Maymun Hill nel villaggio di Bojeh al confine di Haftanin delle zone di difesa della Medya.

BEHDINAN – ANF

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...

Turchia

Sara Kaya, ex co-sindaco del distretto di Nusaybin a Mardin, è stata rilasciata dal carcere il 9 maggio dopo un lungo periodo di detenzione....

Turchia

Un gruppo di 159 accademici, scrittori, parlamentari e avvocati ha chiesto il rilascio delle persone imprigionate nel processo di Kobanê e ha affermato: “Questo...