Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Iran

L’HDP chiede agli organismi internazionali di agire contro le esecuzioni in Iran

La vice presidente del Partito democratico dei popoli(HDP)Meral Danış Bektaş ha chiesto agli organismi e alle istituzioni internazionali di assumere un’iniziativa urgente contro le condanne a morte e le esecuzioni in Iran.

Meral Danış Bektaş ha diramato una comunicazione scritta per richiamare l’attenzione sulle condanne a morte e le esecuzioni in Iran e ha chiesto agli organismi internazionali di assumere un’iniziativa nel campo di applicazione in primo luogo della Convenzione dei diritti umani delle Nazioni Unite e della Convenzione europea dei diritti umani,secondo le quali le condanne a morte sono considerate una violazione del diritto alla vita di un individuo.

Meral Danış Bektaş ha sottolineato che l’Iran esegue più condanne a morte di ogni altro  paese nel mondo solo per rafforzare il proprio regime ed intimidire le opposizioni.Ha affermato che l’Iran si è trasformato in un paese feroce attraverso il crescente numero di esecuzioni.

La vice presidente dell’HDP ha affermato che assumere un’iniziativa urgente contro queste politiche selvagge dell’Iran è una necessità umana e di difesa dei diritti umani,così come una questione di coscienza e ha chiesto alle Nazioni Unite di assumere dei provvedimenti.Meral Danış Bektaş ha evidenziato nel suo comunicato che la pena di morte è un crimine contro l’umanità e che rimanere in silenzio davanti a questo crimine significa farne parte di esso,chiedendo all’Iran  di cancellare la pena di morte.

Bektaş ha inoltre richiamato l’attenzione sul fatto che richiamato l’attenzione sul fatto che la maggior parte delle recenti esecuzioni in Iran sono state dirette contro attivisti curdi,e ha dichiarato che l’Iran si sta vendicando per la crescente lotta curda nella regione e usa la pena di morte come uno strumento politico.

Bektaş ha aggiunto che queste politiche dell’Iran dimostrano quanto è diventato corrotto il regime in Iran.La vice presidente dell’HDP ha avvertito l’Iran che la continuazione di queste politiche barbare non porteranno a nulla,ma aumenteranno la rabbia tra le popolazioni oppresse, principalmente i curdi,in Medio Oriente il quale sta passando attraverso un periodo tumultuoso.

Ha inoltre ricordato l’esecuzione dei tre attivisti curdi Saman Nesimi,Hebibullah Efshari e Eli Efshari,nonostante tutte le proteste per fermare le esecuzioni e ha offerto le condoglianze alle famiglie degli attivisti.

ANF

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...

Turchia

Sara Kaya, ex co-sindaco del distretto di Nusaybin a Mardin, è stata rilasciata dal carcere il 9 maggio dopo un lungo periodo di detenzione....

Turchia

Un gruppo di 159 accademici, scrittori, parlamentari e avvocati ha chiesto il rilascio delle persone imprigionate nel processo di Kobanê e ha affermato: “Questo...