Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Comunicati

HDP: il regime iraniano deve interrompere la violazione dei diritti umani

Il consiglio esecutivo centrale dell’HDP (Partito democratico dei popoli)ha rilaciato un comunicato in solidarietà con i 29 detenuti politici nel carcere di Urmiye che sono in sciopero della fame da 31 giorni.

Osservando che la situazione dei prigionieri che svolgono lo sciopero della fame contro la tortura, della violazione del diritto a un processo equo e al diritto di difesa e ai dei diritti umani sta peggiorando,l’HDP ha affermato che che la negatività del regime iraniano verso una soluzione del problema curdo si mantiene sempre più profonda con l’esecuzione dei detenuti curdi.

Ricordando che le violazioni dei diritti umani continuano in Iran e ogni anno decine di oppositori sono stati giustiziati , HDP ha affermato che l’esecuzione è una sorta di omicidio commesso dallo stato.

 

Il consiglio esecutivo centrale dell’HDP ha invitato il governo iraniano a:

 

– Fermare le violenze e le esecuzioni nelle carceri

– Fermare le pratiche che violano il diritto alla vita delle persone e soprattutto dei prigionieri politici e curdi

– Soddisfare le esigenze e le richieste di coloro che sono in sciopero della fame

– Avere un approccio positivo nei confronti dei prigionieri in Iran in termini di diritto ad un processo equo e alla difesa

– E di rispettare le norme internazionali sui diritti umani.

 

 

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...

Turchia

Sara Kaya, ex co-sindaco del distretto di Nusaybin a Mardin, è stata rilasciata dal carcere il 9 maggio dopo un lungo periodo di detenzione....

Turchia

Un gruppo di 159 accademici, scrittori, parlamentari e avvocati ha chiesto il rilascio delle persone imprigionate nel processo di Kobanê e ha affermato: “Questo...