Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Diritti umani

Una macchia nera sulla Turchia : il massacro di Maraş

Secondo dati ufficiali 111 persone, per lo più aleviti, furono massacrati barbaramente nel massacro di Maras dal 19 al 25 dicembre 1978. 

I testimoni del massacro non possono dimenticare l’agonia della strage nonostante siano passati 36 anni. Migliaia di aleviti sono stati feriti durante gli incidenti, oltre 111 persone sono state massacrate, più di 552 case e circa 289 negozi sono stati distrutti. I testimoni del massacro dicono: “Abbiamo assistito a bambini decapitato nelle loro fascie come possiamo dimenticare questo?”

Il massacro di Kahramanmaraş è iniziato con una bomba gettata in un cinema. Si sparse la voce che uomini di sinistra avevano gettato la bomba. Il giorno dopo, un’altra bomba è stata gettata in un caffè frequentato da ambienti di sinistra.

La sera del 21 dicembre 1978 gli insegnanti Hacı Colak e Mustafa Yüzbaşıoğlu sono stati uccisi sulla via di casa. Erano conosciuti come persone di sinistra. Mentre una folla di circa 5.000 persone si era preparata per il funerale, gruppi di destra sollecitato emozioni affermando che “i comunisti stanno andando a bombardare la moschea e vogliono massacrare nostri fratelli musulmani”.

Il 23 dicembre del 1978 gli incidenti si trasformarono in un fenomeno di massa. Gruppi hanno preso d’assalto i quartieri dove aleviti gli aleviti vivevano, hanno distrutto le loro case e negozi. Molti uffici, tra cui quello della Confederazione progressiva dei sindacati di Turchia (DISK) e dell’Associazione degli insegnanti di Turchia (TOB-DER) sono stati distrutti.

I casi giudiziari, aperti a tribunali militari,sono durati fino al 1991. Un totale di 804 imputati, per la maggior parte della destra, sono stati posti sotto processo. I tribunali hanno comminato 29 condanne a morte e condannato sette imputati all’ergastolo, 321 persone a pene tra gli uno e i 24 anni di reclusione. La Corte di Cassazione ha annullato le condanne e a causa di modifiche legislative e tutti gli imputati sono stati rilasciati nel 1991.

Un documento segreton ha rivelato che i servizi segreti (MIT) avevano pianificato gli incidenti.

Le opinioni dei testimoni includono le seguenti osservazioni:

Seyho Demir: “Il capo della polizia a Maraş all’epoca era Abdülkadir Aksu. Il massacro fu organizzato dai servizi segreti turchi MIT, dal Partito del Movimento Nazionalista (MHP) e gli islamisti insieme … Appena ho sentito parlare del massacro, sono andato a Maraş. La mattina sono andato all’Ospedale di stato di Maraş. Lì ho incontrato un’infermiera che conoscevo … Quando mi ha visto era sorpresa:’Seyho da dove sei venuto….Stanno uccidendo tutti… hanno hanno preso almeno dieci persone leggermente ferite dall’ospedale al piano di sotto e li ha uccisi.Tutto questo è stato fatto sotto il controllo del medico capo dell’ospedale di stato Maraş.l’avvocato Halil Gulluoglu ha seguito il caso della strage di Maraş. I fascicoli che possedeva non sono mai stati resi pubblici. E ‘stato comunque ucciso per ucciso per aver seguito il caso”.

Meryem Polat: “Hanno iniziato in mattinata, bruciando tutte le case, e hanno proseguito nel pomeriggio. Un bambino è stato bruciato in una caldaia. Hanno saccheggiato tutto.Eravamo nell’acqua nello scantinato, sopra di noi c’erano tavole di legno.Le tavole bruciavano e cadevano sopra di noi. La mia casa è stata ridotta in cenere. Eravamo nello scantinato con otto persone.Non ci hanno visto e sono andati.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Diritti umani

Secondo quanto riportato, Pakhshan Azizi attivista socio-politica curda arrestata dalle forze di sicurezza iraniane a Teheran il 4 agosto 2023, è stata privata del...

Turchia

L’Associazione per i diritti umani ha affermato che nei primi sei mesi del 2024 si sono verificate 3.900 violazioni dei diritti nel Kurdistan settentrionale....

Turchia

Ad Amed (Diyarbakir) i sostenitori di Hüda Par stanno diventando sempre più violenti. Il partito islamista, che l’anno scorso è entrato nel parlamento turco...

Diritti umani

ŞIRNEX – Molti edifici storici saranno allagati se verrà completata la costruzione della “diga Cizre” sul fiume Tigri. Il progetto della “Diga di Cizre”...