Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Iran

Ultimo aggiornamento sulle condizioni dei prigionieri politici in sciopero della fame

URMİYÊ (DİHA) -La resistenza dei prigionieri politici nel carcere centrale di Urmiye ha attitato l’attenzione e l’attenzione dei mezzi di comunicazione globali sull’argomento.

Nel 24esimo giorno di resistenza i detenuti persistono nel continuare il loro sciopero della fame con grande determinazione nonostante le loro condizioni di salute si sono aggravate.

Lo sciopero della fame dei prigionieri politici,che è iniziato 24 giorni fa,continuano nonostante le pressioni e la messa a repentaglio da parte delle autorità e gli agenti del regime iraniano.Secondo Newroz TV nel corso degli ultimi 24 giorni, un agente dal ministero dell’intelligence chiamato Alireza Tabesh ha convocato più volte i prigionieri politici e ha minacciato di porre fine al loro sciopero della fame oppure dovranno affrontare gravi conseguenze.

Un funzionario del carcere ha recentemente affermato:”Il caso dello sciopero della fame dei prigionieri politici non è più trattato dalle autorità carcerarie, ma piuttosto da funzionari governativi che gestiranno e decideranno sul caso.

La scorsa settimana il Ministro dell’Intelligence di Urmiye ha tenuto un’incontro e ha invitato l’imam religioso di Urmiye,dove ha affermato:”Non prestate attenzione al loro sciopero della fame e ignorare le loro richieste”.

L’avvocato Nejad si è unito allo sciopero

D’altra parte,il numero di prigionieri politici che si stanno unendo al movimento dello sciopero della fame è in aumento e conseguentemente anche il numero di attacchi sui detenuti politici dai funzionari delle carceri è aumentato.

Al 20esimo giorno di sciopero della fame,l’avvocato curdo Masoud Shams Nejad si è unito allo sciopero della fame,tuttavia dopo due giorni è stato attaccato e molestato dalle guardie carcerarie.Va ricordato che quattro mesi fa, Masoud Shams Nejad ha perso la sua licenza ed è stato incarcerato per quattro mesi con l’accusa di aver contattato mezzi di comunicazione.

Masoud Shams Nejad aveva precedentemente difeso come avvocato Hossein Khezri e Habibollah Golparipour.

Secondo gli ultimi rapporti,i detenuti le cui condizioni di salute si sono aggravate sono Sirwan Najawi, Abdullah Temoue, Sherko Hassanpour e Ali Afshari.

Vale la pena ricordare che Alireza Rasouli è stato il primo scioperante della fame che ha iniziato lo sciopero 35 giorni fa, gli attivisti per i diritti umani temono che la sua vita in immediato pericolo.

Secondo resoconti appena rilasciati, i prigionieri politici nelle carceri di Sine, Rajae-Shahr, Minab, Zahedan e Bandar-e Lengeh hanno dichiarato il loro sostegno ai prigionieri politici del carcere centrale di Urmiye.

 

NEDİM TÜRFENT

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Diritti umani

MÊRDÎN – Nel caso KCK in corso a Mêrdîn (Mardin) dal 2014, 15 politici curdi, tra cui l’ex deputata Gülser Yıldırım, sono stati condannati...

Diritti umani

Dicle Müftüoğlu, co-presidente della DFG, che ha annunciato di aver iniziato uno sciopero della fame, ha dichiarato: “Come giornalista le cui attività professionali sono...

Diritti umani

La giornalista Safiye Alağaş è stata arrestata ieri sera dalla polizia. Ieri sera la polizia ha intercettato il veicolo di Safiye mentre viaggiava da...

Diritti umani

I redattori arrestati dalle forze del KDP hanno scritto sulla sorte di Süleyman Ahmet: “Sono passati 44 giorni: dov’è Süleyman Ahmet?” Continuando a chiederselo,...