Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Staffetta a Suruç

Kobane: Spari nel silenzio

Giovedì 6 novembre. I fuochi della sera li troviamo spenti al nostro risveglio. I musicisti sono ancora qua e la colazione diventa un momento collettivo e di racconto della serata. Ci sembra che il villaggio si riempia sempre più di popolazione.

Incontriamo ora curdi che arrivano da tutta Europa: Olanda, Francia, Germania. Con loro è più facile dialogare, così, passando dall’inglese al francese, a farci descrivere meglio cosa accade nel Rojava e allo stesso tempo ci aiutano a tradurre le diverse interviste che abbiamo realizzato nei differenti dialetti curdi.

Verso le 10, fuori dalla moschea, troviamo un passaggio per Suruc e lì ci imbuchiamo subito in un internet point per un paio d’ore per inviare in Italia tutto il materiale prodotto. Finito il lavoro, torniamo al campo profughi e ci accorgiamo che qualcosa è accaduto. Giunti al Centro Culturale (altro presidio delle nostre reti) ci raccontano quello che è successo. Come ogni mattina, centinaia di persone si dirigono da Meheser al confine con Kobane per chiedere l’apertura del confine turco-siriano.

Ieri mattina a questa iniziativa si sono aggiunti anche gli artisti venuti il giorno prima per i 50 giorni dell’assedio a Kobane e in tanti hanno cominciato a cantare e manifestare. Quando un gruppo di un centinaio di persone ha tentato simbolicamente di superare il confine, l’esercito turco ha cominciato a sparare lacrimogeni ad altezza uomo e proiettili di gomma.

Non contenti, hanno poi aperto il fuoco all’impazzata uccidendo una ragazza: Kader Ortakaya,turca di 28 anni, appartenente al gruppo Collective Freedom Platform, era qui da più di 20 giorni e non era armata, se non dalla volontà di poter, nel proprio piccolo, dare una mano.

Ci sono stati anche molti feriti. E di tutto questo nessuno sembra interessarsi: la stampa e i giornali non ne parlano. Come se fosse normale venire uccisi a 28 anni mentre si chiede l’apertura di un corridoio umanitario.

La sera al villaggio nessuno canta: bisogna onorare i morti.

 

Staffetta Italia-Kurdistan

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Un tribunale turco ha rilasciato sotto controllo giudiziario la famosa avvocatessa Feyza Altun dopo la sua detenzione per la sue affermazioni sulla “sharia”, dopo...

Turchia

Ahmet Türk, il candidato co-sindaco del partito DEM a Mardin, ha chiarito le sue dichiarazioni riguardo al presidente Erdoğan. Ahmet, che ha affermato che...

Turchia

Non viene accolta la richiesta che il curdo, che ancora figura nei verbali parlamentari come “lingua sconosciuta”, diventi la lingua dell’istruzione. I dirigenti delle...

Turchia

ANKARA- Il microfono della deputata del partito DEM Beritan Güneş, che ha parlato in curdo all’Assemblea generale del Parlamento in occasione della Giornata mondiale...