Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Kurdistan

Öcalan chiede una mobilitazione di massa contro la guerra in Kurdistan

L’avvocato del leader del Partito dei lavoratori del Kurdistan Mazlum Dinç ha visitato domenica il leader curdo nel carcere di Imrali.Parlando alla stampa dopo il ritorno dall’isola prigione,l’avvocato Mazlum Dinc ha affermato che il leader curdo ha chiesto a tutto il popolo curdo di avviare una mobilitazione di massa contro l’intensificazione della guerra.

Secondo Dinc,durante l’incontro di oggi, il leader del popolo curdo ha sottolineato che governo turco non ha assunto provvedimenti e continua ad evitare di avviare il processo di negoziazione, nonostante lui sia pronto a fare qualsiasi azione democratica con lo scopo dell’avanzamento del processo di risoluzione.

Dinç ha citato Öcalan dicendo quanto segue per quanto riguarda i negoziati tra il governo turco e ISIS  e per la liberazione dei prigionieri turchi:”In relazione alla liberazione degli ostaggi di Mosul,lo stato turco ha fatto sapere pubblicamente di aver apertamente negoziato con l’ISIS,mentre ha omesso tuttavia di avviare un processo di negoziazione per la risoluzione della profondamente radicata  questione curda. “

Secondo Dinç, il leader curdo ha posto anche l’accento sulla necessità di avviare un processo negoziale senza perdite di tempo, e ha ripetuto il suo appello per la mobilitazione del popolo curdo contro gli attacchi di ISIS.

L’avvocato Dinç ha ulteriormente trasmesso il seguente messaggio del leader del popolo curdo:”In relazione agli attacchi di ISIS,tutto il nostro popolo dovrebbe modellare la propria vita in linea con l’intensificarsi della guerra in questo momento in corso in Kurdistan.Non solo la popolazione del Rojava, ma anche tutta le popolazione nel nord e nelle altre parti del Kurdistan  deve agire di conseguenza”.

Dinc ha aggiunto che Öcalan ha invitato il popolo curdo ad avviare una mobilitazione di massa e la resistenza contro la guerra in corso.

ANF 22 Settembre 2014

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

L’Associazione per i diritti umani ha affermato che nei primi sei mesi del 2024 si sono verificate 3.900 violazioni dei diritti nel Kurdistan settentrionale....

Turchia

Ad Amed (Diyarbakir) i sostenitori di Hüda Par stanno diventando sempre più violenti. Il partito islamista, che l’anno scorso è entrato nel parlamento turco...

Diritti umani

ŞIRNEX – Molti edifici storici saranno allagati se verrà completata la costruzione della “diga Cizre” sul fiume Tigri. Il progetto della “Diga di Cizre”...

Diritti umani

I resti di 139 persone che si ritiene siano state massacrate dall’Isis sono stati ritrovati in una fossa comune a Tal Afar, a ovest...