Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Kurdistan

ISIS minaccia i rifugiati Yezidi in Turchia

Secondo un’articolo riportato da Özgür Gündem,i militanti di ISIS hanno minacciato Yezidi in cerca di rifugio nel campo delle Nazioni Unite qualora non se ne andassero.

Molti Yezidi a seguito degli attacchi di ISIS  a Sinjar  che hanno costretto migliaia di persone a  scappare,hanno cercato riparo in Turchia/Kurdistan del Nord,e in alcune parti del Rojava e nel Kurdistan del Sud.

Minacce di ISIS ad Aksaray

Le minacce sono state fatte a famiglie Yezide in carca di rifugio nel campo gestito dalle Nazioni Unite di Aksaray nella provincia di Şirnak (Şirnex).
Un uomo Yezida di nome Basım Şemo che si trova nel campo con la sua famiglia spiega di essere stato avvicinato da quattro uomini con la barba lunga che parlavano in arabo.L’uomo gli ha detto:”conosciamo molto bene da dove vieni.Tu vieni da Sinjar e non ti vogliamo vedere.Se non te ne andrai da qui ti uccideremo”.

Semo ha continuato a spiegare che molte famiglie Yezide sono state costrette a lasciare il campo e a cercare rifugio in altri campi ad Amed(Diyarbakir)e Midyat.

Xirto Hemo-uno Yezida che si trova in una sistemazione organizzata da AFAD – Ministero della gestione delle emergenze e disastri-nella provincia di Silopi nel distretto di Sirnak ,ha affermato che sua sorella e i suoi bambini che si trovano nel campo di Aksaray si trovano sotto minaccia.”I nostri parenti ad Aksaray ci hanno chiamato al telefono e ci hanno detto che hanno ricevuto minacce di morte.Siamo preoccupati per le loro vite”.

Hemo ha aggiunto che 6 famiglie Yezide  a seguito delle minacce hanno lasciato il campo per Amed.Hemo ha anche espresso confusione su chi era il responsabile  delle minacce e ha chiesto che le autorità assumano provvedimenti per la loro sicurezza dicendo:”Non sappiamo chi sta minacciando i nostri parenti.

Che  sia o no ISIS. noi vogliamo che venga garantita immediatamente la sicurezza dei nostri parenti a poter rimanere.

I militari turchi ostacolano gli Yezidi in fuga

I curdi Yezidi che fuggono nel Kurdistan del nord hanno anche affrontato pressioni dei soldati turchi.A quelli sprovvisti di passaporto non è stato consentito di attraversare il confine e i soldati hanno tagliato una via di fuga attraverso Qilaban (Uludere) in Şırnak,che era stato costituito dagli
abitanti locali del villaggio.

Gli Yezidi sono stati anche ostacolati dall’entrare nel Kurdistan del nord da barricate militari erette lungo la strada Şirnex-Colemêrg (Hakkari) e nelle zone attorno il passaggio di confine di Habur.

Tra coloro che si erano rifugiati nel passaggio ci sono i bambini, i feriti e malati. La parlamentare dell’HDP Selma Irmak si è unita ai co-sindaci del DBP di Qilaban  e Beşêbab (Beytüşşebap) nel chiedere ai residenti di Qilaban di sostenere gli Yezidi a cui non è stato consentito di passare,con cibo e beni di prima necessità.

A seguito di un incontro con il governatore della provincia di Sirnak e con i governatori dei distretti locali, Irmak e la sindaca di Qilaban Zeynep Uren hanno convinto i funzionari locali nel permettere il passaggio degli Yezidi nel Kurdistan settentrionale.

Rojavareport

 

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...

Turchia

Sara Kaya, ex co-sindaco del distretto di Nusaybin a Mardin, è stata rilasciata dal carcere il 9 maggio dopo un lungo periodo di detenzione....

Turchia

Un gruppo di 159 accademici, scrittori, parlamentari e avvocati ha chiesto il rilascio delle persone imprigionate nel processo di Kobanê e ha affermato: “Questo...