Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Kurdistan

Con l’avvicinarsi dell’inverno ,in pericolo 500 figli di sopravvissuti al terremoto di Van

VAN, — Secondo l’associazione dei bambini Gundem Cocuk diverse centinaia di bambini sopravvissuti al terremoto del 2011 nella provincia curda della Turchia dovranno affrontare un duro inverno presso i loro alloggi prefabbricati, con  500 bambini  a  piu’ alto richio.

Quando le temperature cominciano ad abbassarsi nella regione montuosa, nella Turchia orientale, circa 250 famiglie  combattono per il freddo, che vivendo in case prefabbricate che sono state costruite per i sopravvissuti,

Senza corrente o energia termica, i residenti sono costretti a cucinare i loro pasti in forni improvvisati da mattoni a cielo aperto, il fumo e le fiamme causano rischi per la salute. L’utilizzo dei servizi igienici e dei bagni rimane difficile e poco igienico. Molti residenti sono in sciopero della fame da agosto, per chiedere un alloggio adeguato al governo.

Dopo i forti terremoti che hanno colpito nel mese di ottobre e novembre 2011, i sopravvissuti sono stati alloggiati in 34 siti prefabbricati. La maggior parte delle persone che sono state in seguito trasferite in case popolari, ma 250 famiglie – troppo povere e svantaggiate per permettersi anche le abitazioni sovvenzionate – sono ancora in attesa di essere trasferite.

L’ufficio del governatore locale vuole smantellare i siti. Ha ordinato ai residenti di spostarsi, offrendo loro un aiuto temporaneo con l’affitto. Loro hanno rifiutato e successivamente l’ufficio del governatore tagliato l’elettricità e a fine agosto alcuni superstiti ha cominciato uno sciopero della fame.

Gundem Cocuk dice che sono i bambini che stanno soffrendo di più e sono i  più a rischio nel corso del prossimo inverno.L’associazione il cui il nome in turco significa “l’ordine del giorno sono i bambini”dice che sia la salute fisica che la psicologia dei bambini sono  influenzate dalle condizioni nei siti.

“E ‘così freddo di notte che io sono malato. Abbiamo paura, pensando a quello che faremo in inverno ” ha detto un bambino di sette anni da uno dei siti.

“Cerchiamo di lasciare le bottiglie sotto il sole  per l’acqua calda per lavarci”, ha detto un bambino di 11 anni.

“I nostri genitori vogliono una casa per noi. Questo è il motivo per cui sono in sciopero della fame. Io e i miei amici non abbiamo fatto la doccia per una settimana “, ha detto un altro di otto anni. Mi sveglio di notte e urlare, temendo un altro terremoto. “

Lo sciopero della fame è stato trasformato in un digiuno fino alla morte l’11 settembre Circa 15-20 persone continuano lo sciopero della fame a giorni alterni.

Altri problemi comprendono la scolarizzazione dei bambini, dice Gundem Cocuk. Nessuno dei bambini è in grado di andare a registrarsi per le classi perché il loro luogo di residenza non  è riconosciuto come un indirizzo valido.

“Voglio andare cosi tanto a scuola . Siamo andati a scuola e abbiamo chiesto al preside di iscriverci ma non ha voluto “, ha detto un bambino di sette anni.

“Anche se andavamo a scuola, come potremmo studiare a lume di candela?” Ha chiesto un altro bambino.

di Uzay Bulut – Rudaw

Traduzione a cura della redazione di Retekurdistan

Immagine: Ekurd

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Memet Sıddık Akış, co-sindaco eletto del comune di Hakkari, è stato arrestato questa mattina e sostituito dal governatore di Hakkari. Il fascicolo investigativo utilizzato...

Turchia

La deputata del partito DEM Ceylan Akça-Cupolo chiede un’indagine sullo sfollamento forzato della popolazione di Sur avvenuto dopo la distruzione del quartiere storico. Il...

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...